Vai a…

WeeklyMagazine

settimanale di fatti, notizie, cultura

 
Direttore: Vincenzo Di Guida

RSS Feed

17 Giugno 2019

Tatyana Ryzhkova in concerto a Benevento


L’autunno, anzi più propriamente l’Autunno Chitarristico, ha portato al Conservatorio Statale di musica di Benevento Tatyana Ryzhkova, concertista di chitarra classica di livello mondiale, che giovedì 25 ottobre scorso si é esibita nell’auditorio del complesso di San Vittorino.
Nata nel 1986 in Bielorussia, l’artista si é evidenziata precocemente come talentuosa promessa della chitarra classica affermandosi in campo internazionale con un’attivita concertistica di tutto rispetto. Ad oggi, infatti, si è esibita in oltre 500 concerti eseguiti in tutto il mondo.
Il programma del concerto proposto a Benevento dalla Ryzhkova ha compreso brani di varia collocazione cronologica e geografica, iniziando con “Capricho Arabe” dello spagnolo Tarrega e proseguendo con “Tristorosa” di Villa-Lobos, “Malaguena” di Lecuona, “Milonga” dell’argentino Cardoso, “El Choclo” celebre tango di Villoldo, “Mallorca” di Albeniz, senza disdegnare un accenno a più moderne sonorità con “Son” del cubano Eduardo Martín, ma eseguendo anche un più classico “Andante Largo” di Sor e terminando il concerto con una fantasia di Tarrega sui temi dell’italianissima opera “La Traviata” di Giuseppe Verdi.
Insomma tanti brani costituenti un onirico spostamento nel tempo e nello spazio, ben rappresentato dal tema del viaggio venato da una sottile malinconia espresso in Milonga, con immagini, sfumature, colori, addirittura profumi che la brava Ryzhkova ha saputo trasmettere eseguendo pezzi diversissimi tra loro ma sempre calandoli nel loro contesto d’origine, e non era scontato, pur nella sua personale appassionata interpretazione.
Ed a conferma delle eccezionali capacità empatiche dell’artista bielorussa i dialoghi, spesso di grande intimità, in cui la chitarrista ha messo a nudo la propria anima spiegando alla platea le sensazioni e le immagini in lei suscitate dai brani che andava via via ad eseguire.
Oltre alle superlative capacità tecniche ed espressive, a Tatyana Ryzhkova va riconosciuto anche il merito di essere un vero e proprio testimonial delle sei corde classiche avviandosi ad avere una notorietà, anche tra i non addetti ai lavori, che in passato ebbe solo Segovia. Vero e proprio fenomeno mediatico, Tatyana Ryzhkova ha infatti accumulato milioni di visualizzazioni su YouTube avvicinando alle sonorità della chitarra classica migliaia di giovani e meno giovani.
Un concentrato di bravura tecnica, capacità interpretativa e carica comunicativa che ha indotto il folto pubblico presente nell’auditorio a chiedere, a forza di applausi, l’esecuzione di un ulteriore brano che la Ryzhkova ha concesso eseguendo “Un dia de noviembre” del compositore cubano Leo Brouwer.
L’eccezionale evento, merito del coordinamento artistico del Prof. Piero Viti, si incastona nel più ampio “Autunno Chitarristico” del Conservatorio beneventano diretto dal Prof. Giuseppe Ilario, vero e proprio contenitore che prevede numerosi altri appuntamenti concertistici, master class e mostre di liuteria, col dichiarato fine di accrescere la proposta formativa e culturale del polo universitario con momenti di studio ed approfondimenti dedicati agli studenti ed eventi culturali aperti alla intera comunità degli appassionati. Una formula, riuscitissima, che ha poche eguali in Europa.
.
Nota del direttore:
WeeklyMagazine ringrazia il Conservatorio Statale di Musica di Benevento, nelle persone del suo Direttore Prof. Giuseppe Ilario e del Coordinatore artistico dell’Autunno Chitarristico Prof. Piero Viti, per la cortese e davvero disponibile ospitalità riservata al nostro magazine.

Autumn, or rather the Guitarist Autumn, brought to the Benevento State Music Conservatory Tatyana Ryzhkova, a world-class classical guitar concertist who performed on Thursday 25th October in the auditorium of the San Vittorino complex.
Born in 1986 in Belarus, the artist has quickly emerged as a talented promise of the classical guitar establishing itself internationally with a highly respected concert activity. In fact, to date, she has performed in over 500 concerts performed all over the world.
The program of the concert proposed in Benevento by Ryzhkova included pieces of various chronological and geographical location, starting with “Capricho Arabe” by the Spanish Tarrega and continuing with “Tristorosa” by Villa-Lobos, “Malaguena” by Lecuona, “Milonga” by Argentine Cardoso, “El Choclo” famous tango by Villoldo, “Mallorca” by Albeniz, without disdaining a hint to more modern sounds with “Son” by the Cuban Eduardo Martín, but also performing a more classic “Andante Largo” by Sor and ending the concert with a fantasy of Tarrega on the themes of the Italian opera “La Traviata” by Giuseppe Verdi.
In short, many pieces constituting a dreamlike shift in time and space, well represented by the theme of the journey veined by a subtle melancholy expressed in Milonga, with images, shades, colors, even perfumes that the a very good Ryzhkova has been able to transmit by performing very different pieces but always pur them in their context of origin, and it was not obvious, even in her personal passionate interpretation.
And confirming the exceptional performance of the Belarusian artist the dialogues, often of great intimacy, in which the guitarist has laid bare his soul explaining to the audience the feelings and images in her aroused by the songs that was to performing.
In addition to the superlative technical and expressive skills, Tatyana Ryzhkova should also be credited with being a true testimonial of the six classic strings starting to have a reputation, even among non-professionals, who in the past had only Segovia. A true media phenomenon, Tatyana Ryzhkova has in fact accumulated millions of views on YouTube, bringing thousands of young and old to the sound of classical guitar.
A concentrate of technical skill, interpretative ability and communicative charge that led the large audience present in the auditorium to ask, by force of applause, the execution of a further piece that Ryzhkova granted by performing “Un dia de noviembre” by the composer Cuban Leo Brouwer.
The exceptional event, thanks to the artistic coordination of Prof. Piero Viti, is set in the broader “Autumn Guitarist” of the Conservatory of Benevento directed by Prof. Giuseppe Ilario, a real container that includes numerous other concert events, master classes and exhibitions of classical guitar luthiers, with the declared aim of increasing the educational and cultural offer of the university campus with moments of study and in-depth study dedicated to students and cultural events open to the whole community of enthusiasts. A very successful formula that has few equals in Europe.
.
Director’s magazine note:
WeeklyMagazine would like to thank the State Conservatory of Music of Benevento, in the persons of its Director Prof. Giuseppe Ilario and of the artistic coordinator of Guitar Autumn Prof. Piero Viti, for the kind and really available hospitality reserved for our magazine.

Tags: , , ,