Vai a…

WeeklyMagazine

settimanale di fatti, notizie, cultura

RSS Feed

17 Aprile 2021

Una poesia contro il bullismo da Giorgio Zapparella


Il primo febbraio del 1936 nasceva Francesco Davide, con una singolare coincidenza, oggi mi viene comunicato che una mia poesia a lui dedicata si é aggiudica la menzione di merito e un posto nell’antologia che uscirà la prossima primavera (in attesa della finale rimandata causa Covid19 ). Il concorso in questione é il Premio Internazionale di poesia “il Tiburtino” dedicato al Premio Nobel Eugenio Montale e ai suoi luoghi, giunto ormai alla V edizione.

Faccio i miei più sinceri auguri di buon compleanno a Francesco Davide, sperando che questo regalo sia di suo gradimento.
Condivido con voi, il ricordo di me bambino, mentre lo guardavo ripararsi e sedersi sulle scale di casa mia, per sfuggire allo slogan che lo ha accompagnato per tutta la vita:

“spellicchione tene e scarpe e camoscio, e appicciat a funtana for a puteca e Onna Rosa”

(NDR: “Spellicchione” era un uomo ridotto allo stato di barbone di Calvizzano, una cittadina nella periferia nord di Napoli deriso da tutti, anche dai bambini riuniti in bande. Lui tirava loro pietre e urlava tra l’ilarità della gente).

Avevo 9 anni, e non capivo tante cose, vivevo il mio primo caso di bullismo, ma non me ne rendevo conto. L’età di allora non mi ha permesso di dargli una mano, ho cercato di porre rimedio adesso, adulto e inadeguato come sono, usando come “arma” di attacco e di difesa, solo le parole, perché spesso le parole possono far riflettere, crescere e aiutare a cambiare le cose.
Ma forse, lui, questo l’aveva capito, perciò se ne stava ore intere con il suo cruciverba in mano nel tentativo di incastrarle al posto giusto.
Spero solo che dopo tante sofferenze, a distanza di tempo, lui ci sia riuscito, perché non so se sono stato capace e all’altezza di farlo io adesso.

BUON 85ESIMO COMPLEANNO CARO FRANCO, GODITI LA TUA SERENITÀ ETERNA …
(GIORGIO ZAPPARELLA)

O GRARE

N’ haggia maje capito
si ‘a scalinata è criata pe’ ce fa scennere o pe’ ce fa saglì.

ij m’assettavo ‘mmiezo,
‘ncopp’ ô grare,
cu ‘o ggiurnale mmano
‘e l uocchie chino e pucuntria.

Spisso me vennevo ll’anema ô diavulo pe’ nu suonno a realizzà
Ma po’ scennevo abbascio dint’ ‘o scuro cu ‘a speranza e m’ ‘o ‘ccattà.

“Fratu mijo, me fa paura ‘o scuro…
Appiccia nu lumino,pecché nu poco ‘e luce p’ ‘o fa passà sti inferno”

Cu ‘o ggiurnale’ m’haggia ‘mparato a costrui ‘e scelle
e sapesse pure vulà,
ma comme se fa’ o viento
ancora nu me l’haggia ‘mparàt à
inventà…

Il poeta Giorgio Zapparella, calvizzanese “doc”, appartiene al “Movimento Futura”  e ha un curriculum di tutto rispetto:

Tags: , , ,