Azzurri fuori anche dalla Champions League


Il Napoli, dopo aver abbandonato con troppo anticipo la corsa scudetto, è fuori anche dalla massima competizione europea. Nella lotta ai quarti stacca il pass il Barcellona che nella serata del 12 marzo allo stadio Olimpico Lluis Companys di Montjuic batte i campioni d’Italia 3-1. Per gli azzurri è la prima sconfitta dell’era Calzona dopo cinque partite da imbattuti. I catalani travolgono gli azzurri portandosi sul 2-0 già dopo 17’ minuti di gara grazie alle reti di Fermin Lopez e Joao Cancelo. Nonostante la grande botta il Napoli reagisce e dimezza lo svantaggio con Rrahmani alla mezz’ora. Poi, per i partenopei, si susseguono errori, episodi sfortunati ed occasioni mancate. Nonostante la superiorità tecnica degli spagnoli, il Napoli torna a casa non senza rimpianti. I partenopei, infatti, grazie anche alle tante parate di Meret, sono riusciti a restare in partita fino all’80’, quando Lindstrom spreca la grande chance del 2-2.
Non sbaglia invece il solito Lewandowski che nel finale chiude definitivamente il match. Nel Napoli sono mancati gli uomini più rappresentativi: Kvaratskhelia si è acceso solo a tratti, mentre Osimhen non è riuscito ad essere incisivo, complice anche la straordinaria prestazione del 17enne Cubarsì che sin da subito lo ha ingabbiato con una marcatura d’esperienza.
Per gli azzurri sfuma dunque un altro grande obiettivo e, di conseguenza, la qualificazione al prossimo Mondiale per club del 2025. L’eliminazione dalla Champions, infatti, regala il pass alla Juventus, matematicamente certa di poter accedere alla prima edizione della nuova competizione per club a 32 squadre voluto dalla Fifa. I bianconeri, infatti, si qualificano come settima migliore squadra europea per il ranking, posizione che gli azzurri avrebbero potuto ancora contendergli se fossero andati ai quarti.
I blaugrana raggiungono ai quarti Paris Saint-Germain, Bayern Monaco, Arsenal, Manchester City, Real Madrid, Borussia Dortmund e Atletico Madrid, squadra che ha eliminato dalla competizione l’Inter, l’ultima squadra italiana ancora in corsa.
Dopo l’1-0 dell’andata a favore della squadra di Inzaghi, i Colchoneros rimontano il vantaggio di Dimarco e poi, nel finale raddoppiano portando il match ai tempi supplementari e poi ai rigori. Proprio dal dischetto matura la delusione interista con gli errori decisivi di Sanchez, Klaassen e Lautaro.
E proprio stasera alle 20,45 Inter e Napoli saranno le protagoniste del sunday-match della 29esima giornata di Serie A. Una sfida che si appresta ad essere a tutti gli effetti un passaggio di consegne tra il Napoli, attuale campione d’Italia in carica, e l’Inter, con ogni probabilità prossima squadra a conquistare lo scudetto. Ragione di più, per gli azzurri, per fare una bella figura e mostrarsi al meglio per difendere il tricolore ancora sulla maglia. Per continuare a sperare Mr. Calzona ha tutta la rosa a disposizione, anche Osimhen.