Vai a…

WeeklyMagazine

settimanale di fatti, notizie, cultura

RSS Feed

27 Gennaio 2021

Smart working

Ma è davvero “smart working”?

La seconda ondata di Covid-19 ci costringe a tirare le fila dei cambiamenti fatti negli ultimi mesi nella gestione del business e a formulare strategie non solo reattive, ma di prevenzione e di innovazione a lungo termine. In questa direzione è centrale definire un corretto rapporto tra gestione aziendale, benessere dei collaboratori e “smart working”.

Smartworking … ke passione!

Si è fatto un gran parlare in questi giorni di smartworking in occasione dello spostamento dei lavoratori in casa propria per le esigenze legate alla pandemia. In realtà quanto si è verificato ha poco dello smartworking e molto dell’antico lavoro a domicilio. Nella maggior parte delle ipotesi infatti l’iniziativa del fenomeno è derivata da richieste

Lo smart working non è per niente furbo

L’adozione dello smartworking rappresenterebbe una nuova operazione politica funzionale al dominio del Capitale. L’utilizzo del lavoro agile sarebbe a mio avviso un inganno e dimostrerebbe come il sistema capitalista stia riuscendo a riorganizzarsi su se stesso e ciò adattandosi alle emergenze sanitarie come quella dell’attuale Covid-19. In tal modo, non sarebbe messo in discussione il