Vai a…

WeeklyMagazine

settimanale di fatti, notizie, cultura

RSS Feed

25 Novembre 2020

Immigrazione

L’immigrazione senza regole fa male a noi

Sono gli italiani le vere vittime dell’immigrazione incontrollata. Costringerci a subire invasioni è una violenza inaccettabile. La società italiana è fra le più avanzate sul piano scientifico, giuridico, artistico, tecnico. Quello che non possiamo, e non vogliamo fare, è essere costretti a comportarci come se, viceversa, fossimo poveri selvaggi, privi di capacità razionali che di

Open Arms: Salvini dice “si” ai (presunti) minori di Conte

“Prendo atto che disponi che vengano sbarcati i (presunti) minori attualmente a bordo della nave Open Arms. Darò pertanto, mio malgrado, per quanto di mia competenza e come ennesimo esempio di leale collaborazione, disposizioni affinchè non vengano frapposti ostacoli all’esecuzione di tale Tua esclusiva determinazione, non senza ribadirTi che continuerò a perseguire in tutte le

Da Carola ad Albione

Non ci voleva molto a capire che la nave della ONG, entrata a Lampedusa dopo un braccio di ferro di 15 giorni circa con il ministro Salvini, avrebbe avuto una grande copertura mediatica e i tanti sostenitori della migrazione incontrollata si sarebbero strappati i capelli per dimostrare che bisogna “essere umani “ed accogliere tutti gli

Facebook: dialoghi (oziosi) sulle navi ONG

Facebook, si sa, è il luogo dove talvolta si intavolano lunghe discussioni sui temi di cronaca che maggiormente appassionano le persone. Non fa eccezione la questione dei migranti e il ruolo delle ONG che con le loro navi traghettano persone da poco fuori le acque territoriali libiche sin dentro i porti italiani. Sul gruppo Facebook

La vera minaccia

Europa – intesa come Unione Europea – e magistratura rappresentano una minaccia per la nostra democrazia? Andiamo con ordine. La decisione del gip di Agrigento, Alessandra Vella, di non convalidare l’arresto della comandante della Sea Watch Carola Rackete escludendo il reato di resistenza e violenza a nave da guerra non nasce dal nulla. Al di

ONG all’arrembaggio di Lampedusa

Dopo l’attracco forzato a Lampedusa della Sea-Watch 3, la nave battente bandiera olandese appartenente alla ONG (NDR: Organizzazione Non Governativa) Sea-Watch con sede a Berlino, nonostante che in quella azzardata manovra si sia quasi stritolata una barca della Guardia di Finanza, il capitano Carola Rackete é stata rimessa in libertà dal GIP Alessandra Vella. La

La legge è uguale per tutti?

Non accade in nessun’altra nazione del mondo che una nave corsara possa entrare impunemente nelle acque territoriali di uno stato sovrano, non fermarsi ai ripetuti “alt” di una forza di polizia ed entrare in un porto attraccando alla banchina schiacciando una vedetta della Guardia di Finanza inframmezzata tra la nave e la banchina. Non capita

Un capitano (davvero poco) coraggioso

“Sono nata tedesca, bianca, ricca. Ho l’obbligo morale di aiutare gli africani”. A spese vostre non l’ha aggiunto, ma sono dettagli. E perché allora non aiutarli a casa loro, come quelle centinaia o migliaia di volontari, missionari, suore e altri appartenenti a organizzazioni non governative serie che si spaccano la schiena in Africa per portare

Quando la cura è peggiore del male

“Oggi nel mondo le disarmonie sono diventate vere e proprie divisioni: c’è chi ha troppo e chi nulla, c’è chi cerca di vivere cent’anni e chi non può venire alla luce. Nell’era dei computer si sta a distanza: solo contatti, più ‘social’ ma meno sociali”. Ed ancora: “Sempre c’è la tentazione – ha sottolineato il

Due pesi e due misure

Se ripensiamo alla crisi albanese degli anni ‘90, quando migliaia di disperati dalla Terra delle Aquile si riversarono in Italia attraversando in condizioni più che precarie il canale di Otranto, ci viene spontaneo fare un paragone con la situazione attuale. Era il 7 marzo del 1991 quando 27mila migranti albanesi arrivarono nel porto di Brindisi,

Dunque i profughi…

C’è qualcosa nella faccenda dei profughi che arrivano coi barconi che non mi suona per nulla chiara. Se mettiamo insieme tutto ciò che le fonti dei media (TG, giornali, blog e chi più ne ha più ne metta) ci propalano ogni giorno, ci accorgiamo che, al di là di alcune notizie che non trovano conferma,

Sindaci con voglia di parlamento

È partita da lontano la campagna elettorale di Luigi De Magistris e di Leoluca Orlando. E già, perché entrambi pare stiano preparandosi il terreno per una eventuale loro candidatura parlamentare col primo, De Magistris, che si definisce l’anti Salvini, addirittura con velleità di fondare un partito, e il secondo, Orlando, classe 1947, vecchio democristiano di

Il viaggio dei dannati

Al di là di ogni convinzione personale in merito, fa sorridere sentire che Barak Obama e le varie “stars” miliardarie statunitensi abbiano accusato Donald Trump di mettere in discussione i valori americani. Evidentemente, non sapevano nemmeno di cosa stavano parlando. L’America, lungo tutta la sua storia, ha fortemente limitato il fenomeno dell’immigrazione, anche da prima

Gioco al massacro

Una sedicenne, una ragazzina: stuprata nel sonno indotto delle droghe, in un edificio fatiscente, quindi uccisa o lasciata morire. Alcuni raccolgono facili adesioni politiche con l’avevo-detto-io, altri, i coda-di-paglia, giocano in difesa inalberando diritti mistici. Studiosi, professori e indagatori sociali, intanto si danno pacche gli uni con gli altri “hai ragione tu no hai ragione

Aiutiamoli a casa loro

Proprio in questi giorni impazza la polemica della chiusura dei porti italiani alle navi ONG. Salvini, lo aveva promesso nel corso della lunga campagna elettorale, ha suscitato un putiferio impedendo alla nave Aquarius di attraccare sulle coste del Bel Paese scaricando il suo carico umano. Inutile dire che i fautori dell’accoglienza hanno “pittato” il Ministro

L’Italia s’è desta!

Siamo stati buon profeti quando dalle colonne di weekly abbiamo lanciato la nostre accuse contro il presidente mangia ranocchi Manuelita Macron, questa volta chiedo al direttore di non correggere: quelle di Macron sono le ennesime provocazion / prevaricazioni nella politica interna nazionale. Che il partito di Macron si permetta di definire “vomitevole” la posizione dell’Italia

Salvini il fascista

E così, come pare, sta finendo la facile mangiatoia delle sedicenti ONG, le Organizzazioni Non Governative, che a suon di decine di migliaia di dollari, mantengono una vera e propria flotta navale che fa la flotta tra il golfo della Sirte e le coste italiane. Sembra questa (finalmente) la linea del Governo italiano riferita dal

Liberté, egalité, tientelité

La vicenda della nave Aquarius che nei giorni scorsi ha soccorso 626 migranti sulle coste libiche ha scatenato un putiferio. Dovrei dire un putiferio sano, poiché dalla decisione del governo italiano di chiudere i porti all’imbarcazione di SOS Mediteranée è scaturita la prima scintilla di quello che, nelle intenzioni di Salvini e soci, dovrebbe essere

Palma Campania, terra islamica

Oramai é una vera e propria emergenza sociale quella che lamentano a Palma Campania, piccolo comune ai margini della provincia di Napoli e Salerno. Palma Campania, situata quasi all’estremità meridionale dell’antica provincia di Terra di Lavoro, é infatti da tempo oggetto di una immigrazione islamica di bengalesi senza controllo al punto che dei circa 15.000

Quelle preziose “risorse”

Sana Cheema, una ragazza di origini pakistane, è stata barbaramente uccisa dal padre e dal fratello per lavare la grave colpa di aver rifiutato il matrimonio combinato che la famiglia aveva tentato di imporle. E’ accaduto nelle scorse ore a Gujrat, la città del Pakistan dove Sana Cheema (così si chiamava la 25enne ammazzata), era

Dimmi dove vai, ti dirò chi sei

Riceviamo dal dott. Antonio Giangrande il sottostante rendiconto sul tema: “Profugopoli. Vittime e carnefici”. Lo pubblichiamo volentieri: . L’immigrato/emigrato italiano o straniero è colui il quale si è trasferito, per costrizione o per convenienza, per vivere in un altro luogo diverso da quello natio. Soggetti: L’immigrato arriva, l’emigrato parte. La definizione del trasferito la dà

Perché l’Austria ha virato a destra

Il 18 dicembre scorso ha giurato il nuovo esecutivo del Governo austriaco che esibisce ben tre ministeri, e tra i più importanti, alla destra. La destra, infatti, conquista gli Esteri, la Difesa, nonché gli Interni, e il nuovo cancelliere è il 31enne Sebastian Kurz leader del partito nazionalista ÖVP. Le elezioni legislative in Austria si

Stranieri in casa propria

A Palermo in questi giorni si è vissuta un’atmosfera surreale. Figurarsi, il profondo e cattolicissimo sud costretto ad abiurare la religione cattolica. E, invece, è proprio quanto accaduto in una scuola del capoluogo siciliano dove il dott. La Rocca, solerte preside dell’Istituto “Ragusa Moleti”, ha firmato una circolare dove non solo ha ordinato di rimuovere

Non è colpa nostra

Spesso mi è capitato in questi giorni di ascoltare commenti di ogni genere in merito all’uccisione di un ladro penetrato in casa di un avvocato di Latina. Il fatto in sé non meriterebbe commenti particolari, salvo far notare che – come al solito – il povero avvocato Palumbo si vedrà perseguire per omicidio volontario a

In risposta ad alcuni quesiti di lettori…

Nel mio ultimo articolo mi sono dedicato alla situazione degli afrikaneer ossia i sudafricani discendenti dei boeri che dal 1700 hanno colonizzato la parte meridionale dell’Africa. Nel portare in evidenza ciò che i bianchi stanno subendo in Sudafrica ho invitato i lettori di WeeklyMagazine ad ascoltare un discorso dell’ex n.1 del KKK non per dimostrare

Un’Apartheid per i bianchi

In questo XXI secolo, dai più definito il secolo della pace, della tecnologia (vista non come semplice atto materiale, come possedere un telefono o un computer, ma intesa come miglioramento della società) del multiculturalismo e globalizzazione stiamo assistendo ad una forma di razzismo all’inverso, perché per creare questa nuova SUPER razza unica qualcuno deve scomparire

Il nuovo melting pot è solo un minestrone

Nello stupro di gruppo di Rimini vediamo riprodotta plasticamente tutta la fallimentare politica dell’immigrazione portata avanti dall’Europa e, in special modo, dall’Italia. Secondo Gentiloni e il governo italiano non ci sarebbe alcuna correlazione tra immigrazione e criminalità: già solo questa affermazione, come abbiamo visto, è stata smentita dai dati che certificano, al di là di

E’ tornata la malaria!

Al momento è un rebus e nessuno si sente di azzardare ipotesi conclusive sulla morte della piccola Sofia salvo, oramai, che si è certi si tratti di malaria. La bimba trentina, sofferente di diabete, era stata ricoverata nell’ospedale di Trento. Questo aveva fatto avanzare l’ipotesi, residuale ma non scartabile a priori, di un possibile scambio

Rimini, Rimini!

Mi ero ripromesso di non scrivere di questa brutta storia, soprattutto per due ragioni. La prima è che se ne è già parlato tanto, troppo, e molte parole sono state scritte a proposito e a sproposito. La seconda è dovuta al fatto che so di non essere neutrale. Non potrei mai esserlo, di fronte a

Immigrazione non sempre fa rima con integrazione

Mentre l’altro ieri (NDR: venerdì 01 settembre) centinaia di musulmani invadevano la centralissima piazza Garibaldi a Napoli usandola come moschea a cielo aperto violentandone la storia e snaturandone la funzione, solo pochi giorni prima avveniva a Rimini l’ennesimo episodio di atroce violenza, anzi animalesca violenza, ai danni di una coppia che nottetempo passeggiava sulla spiaggia

Immigrati: da irregolari a invisibili

Mentre noi piangiamo nuovi morti dopo gli attentati sulle Ramblas e viviamo con angoscia le minacce mosse dall’Isis all’Italia, continuano ad approdare ondate di profughi, che esigono aiuto e protezione. Gli Stati europei, con l’Italia come capofila, subiscono senza quasi reagire, perché incapaci di espellere milioni di immigrati irregolari e di controllare chi sembra essersi