Vai a…

WeeklyMagazine

settimanale di fatti, notizie, cultura

RSS Feed

20 Ottobre 2020

Hitler

Il potere del boia (2a parte)

Verso la fine dell’estate del 1940 Heinrich Himmler avvertì, e ne fu subito consapevole, che le “Waffen SS” erano cadute nel dimenticatoio. Agli occhi del Fürher e dei Generali dell’O.K.W. (Oberkommando der Wehrmacht – traducibile in italiano come “Alto comando delle Forze Armate Tedesche) contava solo il valore militare. Doveva, quindi, riorganizzare gli organici del

Quel “Maggiolino” per niente matto!

“Penso sia difficile che questa autovettura possa piacere ad un acquirente medio. E’ troppo brutta e troppo rumorosa. Se intende costruire auto qui, giovanotto, lei è un dannato pazzo”. Nel 1945, con questa opinione, non certo incoraggiante, di un industriale britannico, Ivan Hirst, un ufficiale inglese di 29 anni, decise di andare avanti. Secondo lui

Dal paradiso all’inferno

La salita al potere di Adolf Hitler (Braunau am Inn, 20 aprile 1889 – Berlino, 30 aprile 1945), cambiò la geografia dell’Europa, ancor più rapidamente di quanto non avesse fatto Napoleone Bonaparte, anche se per un periodo di tempo più breve. Le alte cariche della Reichswehr (lett. Difesa del Reich, nome dato alle Forze Armate

Un incidente decisivo

Il 10 gennaio 1940, Adolf Hitler fissò l’inizio dell’offensiva alla Francia per il giorno 17 di quel mese. E lo stesso giorno in cui il Führer prendeva questa decisione, si verificò un drammatico “intervento del destino”. Il Maggiore Elias Gosth, distaccato come ufficiale di collegamento presso la 2^ Squadra Aerea della Luftwaffe, partì in volo,

I Generali di Hitler (1a parte)

In tempo di guerra, ogni cosa sembra differente da come risulta nella luce più chiara, che viene dopo. E niente appare più diverso delle figure dei capi. Mentre la guerra è in corso, l’immagine, che di loro si costruisce l’opinione pubblica, non soltanto è irreale, ma varia con le alterne vicende delle operazioni militari. Prima

Le fake info degli 007

Si parla molto di questi tempi di “fake news”, le notizie fasulle che spesso si diffondono grazie ai social network ma, talvolta, anche a mezzo di giornali poco attenti alla verifica delle notizie che pubblicano. In effetti internet ha, da un lato, facilitato la diffusione delle notizie ma, dall’altro, ha consentito l’elusione dei fisiologici meccanismi

Luglio 1941: In vacanza a due passi dalla città

L’estate italiana del 1941, la seconda dallo scoppio della guerra, fu caratterizzata, fin dal suo inizio, da un’improvvisa ondata di caldo che anticipò il tradizionale esodo estivo dalle città. Lunghe code, dunque, davanti alle biglietterie delle stazioni, poiché anche i pochi privilegiati possessori di Balilla o Topolino erano impossibilitati ad usare i propri veicoli. Il