Vai a…

WeeklyMagazine

settimanale di fatti, notizie, cultura

RSS Feed

26 Febbraio 2021

Grande guerra

Reino e i caduti della Grande Guerra

Il 4 novembre scorso cadeva il centenario della proclamazione delle vittoria italiana nella I Guerra Mondiale e, a ridosso di tale data, in tutta Italia si sono susseguite manifestazioni per la commemorazione dei numerosi caduti e la celebrazione della vittoria finale. Tra i comuni che meglio hanno saputo interpretare questo centenario c’è Reino, piccolo è

Un artigliere ai microfoni

Cento anni fa si combattevano le ultime battaglie della Grande Guerra, il primo conflitto mondiale, che sin dall’anno 1914 aveva sconvolto l’Europa e al quale avevano partecipato, per la prima volta nella storia, eserciti provenienti da tutto il mondo. Il conflitto, infatti, ebbe inizio il 28 luglio 1914 con la dichiarazione di guerra dell’Impero austro-ungarico

Reino (BN): Si rievoca la Grande Guerra

Nel quadro delle manifestazioni celebranti la Prima Guerra Mondiale, la Campania è in prima linea per la conservazione della memoria. E’ il caso del piccolo comune sannita di Reino (BN) dove ieri si è intitolata la terrazza sovrastante il Centro di aggregazione al Soldato reinese M. B. V. M. Domenico Tozzi e a seguire, nel

L’inchiesta su Caporetto, una nuova disfatta

All’indomani della tragica sconfitta, fra i postumi dell’annosa lotta interventistico-neutralistica, quello della polemica intorno alla relazione sui fatti di Caporetto fu indubbiamente l’epilogo più tristemente grave, poiché si peccò da ambo le parti, senza arrivare, in realtà, a nessuna conclusione. La relazione sul “Ripiegamento dall’Isonzo al Piave”, richiesta a gran voce dal Parlamento fu pubblicata

Una fake news: la “Beffa di Buccari”

Dopo la disfatta di Caporetto, si avvertì, negli ambienti culturali, infervorati da un fortissimo idealismo patriottico, la volontà di compiere qualche azione eclatante e coraggiosa, che risollevasse il morale devastato dell’Esercito e di tutta la nazione. Nella notte, tra il 10 e l’11 febbraio 1918,  il Capitano di Corvetta Luigi Rizzo, con a bordo del suo

Quando l’arte incontra la chirurgia

Tutti conoscono la chirurgia plastica per mero fatto estetico, ma a mio avviso ben pochi sanno della esistenza della chirurgia plastica ricostruttiva, o almeno coloro che ne hanno avuto bisogno. L’avvento di questa chirurgia nei suoi primordi, si deve alle gravi lesioni, in particolare al volto di quei sfortunati soldati, che uscendo con coraggio dalle

Il revisionismo dei vincitori

E’ nuovamente apparso, in questi giorni, nelle librerie europee, il “libro scandalo” Eine ganze Welt gegen uns (Un mondo intero contro di noi), edito a Berlino nel 1935, documento della perfezione raggiunta, ora, dalla fototipia. Venduto ad un irrisorio prezzo di propaganda, vuole essere un superbo documento della guerra tedesca. E fuori da ogni dubbio,

La storia non dimentica Cadorna. Lo oblia.

Anche nel più piccolo e sperduto comune d’Italia c’è una lapide, magari ingrigita o sbiadita dal tempo, con su scalpellati decine di nomi, freddi, marmorei, sideralmente lontani. Sono i caduti della Prima Guerra Mondiale: quelli che non tornarono dalle maledette fangose trincee. Le vittime di uno dei più orrendi massacri di tutti i tempi. Erano

La Caporetto del M.llo d’Italia Enrico Caviglia

Molto si è detto (oserei dire si è narrato) sui tragici eventi dell’ottobre 1917. Chi scrive ha avuto, negli anni della propria fanciullezza, il privilegio di poter ascoltare, a bocca aperta perché entusiasta dei “racconti di guerra”, dal proprio nonno paterno, le memorie, vissute, di alcune pagine della 1^ Grande Mondiale. Ed ecco che appare