Vai a…

WeeklyMagazine

settimanale di fatti, notizie, cultura

RSS Feed

3 Marzo 2021

globalizzazione

Il tema della globalizzazione nella scuola italiana

Sfoglia di qua sfoglia di la che l’occhio sempre qualcosa coglie. Tempo fa un caro amico lamentava il fatto che il figlio liceale dovesse imparare nozioni storiche del tutto strampalate, lavorando nel campo dell’istruzione confesso che non mi sono mai preoccupato di sfogliare un libro adottato dal sistema scolastico nostrano, inoltre essendo le mie figlie

In risposta ad alcuni quesiti di lettori…

Nel mio ultimo articolo mi sono dedicato alla situazione degli afrikaneer ossia i sudafricani discendenti dei boeri che dal 1700 hanno colonizzato la parte meridionale dell’Africa. Nel portare in evidenza ciò che i bianchi stanno subendo in Sudafrica ho invitato i lettori di WeeklyMagazine ad ascoltare un discorso dell’ex n.1 del KKK non per dimostrare

Un’Apartheid per i bianchi

In questo XXI secolo, dai più definito il secolo della pace, della tecnologia (vista non come semplice atto materiale, come possedere un telefono o un computer, ma intesa come miglioramento della società) del multiculturalismo e globalizzazione stiamo assistendo ad una forma di razzismo all’inverso, perché per creare questa nuova SUPER razza unica qualcuno deve scomparire

Il nuovo melting pot è solo un minestrone

Nello stupro di gruppo di Rimini vediamo riprodotta plasticamente tutta la fallimentare politica dell’immigrazione portata avanti dall’Europa e, in special modo, dall’Italia. Secondo Gentiloni e il governo italiano non ci sarebbe alcuna correlazione tra immigrazione e criminalità: già solo questa affermazione, come abbiamo visto, è stata smentita dai dati che certificano, al di là di

La Cina conquista l’Africa (e forse il mondo)

La Cina sta costruendo in Angola e in tutta l’Africa città quasi del tutto vuote. Vi raccontiamo il perché. All’incirca dal 2011 in molti Paesi africani, e in principal modo in Angola, stanno sorgendo nuove città, con tanto di edifici abitativi, servizi, centri commerciali, ospedali, cliniche e quant’altro una normale città dovrebbe avere. L’unica cosa