Vai a…

WeeklyMagazine

settimanale di fatti, notizie, cultura

RSS Feed

4 Marzo 2021

filosofia

Un “tuttologo” vero

Abbiamo conosciuto il suo nome nei primissimi anni delle elementari e ci ha familiarmente accompagnati fino alle superiori. Le sue tavole numeriche, chiamate semplicemente “tabelline”, croci e delizie di interi pomeriggi trascorsi a ripeterne ad alta voce i valori, fino allo stremo delle forze, ed il suo famoso “teorema”, imparato a memoria come una filastrocca,

Il bene e il male

In passato abbiamo combattuto il comunismo, quando questo rappresentava un pericolo reale per l’Italia e per l’Europa, e non ci siamo accorti che nel frattempo il capitalismo, un’ideologia subdola, ammantata di democrazia e libertà, inquinava le nostre coscienze e minava la nostra civiltà. Non abbiamo compreso, ed è questa la nostra colpa più grave, che

Le emozioni … difficili da gestire

Noi siamo i veri artefici del presente. In questo percorso ci sono d’aiuto alcune parole chiave come: cominciare, ricominciare, ascoltare. Le faccende quotidiane si possono indicare come ordinarie, ma di ordinario hanno solo il nome, richiedono una continua elasticità mentale per dare priorità a quelle più importanti: personali, familiari e sociali che non sono facili

La disciplina del silenzio

Oggi parlo della disciplina del silenzio, argomento scaturito dalla visione del film autobiografico del grande tenore Andrea Bocelli dal titolo “La musica del silenzio”, film del 2017 che ho voluto vedere per la seconda volta e nel mio piccolo mi sono sentito coinvolto. Da questa biografia è emerso che siamo due persone come tante che

Il sogno prometeico

Fino a che punto il mondo e l’uomo sono trasformabili?” Risponde l’amico Daniele Semprini, già docente di storia e filosofia. Il tentativo di possedere e di trasformare il mondo in cui vive coincide con la stessa comparsa dell’uomo ed inizia con i suoi sforzi per sopravvivere e adattare il più possibile l’ambiente alle proprie esigenze.

Il paradosso di Alberto di Sassonia

Nacque a Helmstedt, in Germania, nel 1316. Destinato a diventare uno dei più autorevoli logici del Medioevo, Alberto di Sassonia studiò a Praga e a Parigi, divenendo prima Rettore della Sorbona e poi Rettore Fondatore dell’Università di Vienna, nel 1365. Oltre a produrre un vasto corpo di opere logiche e filosofiche, svolse un ruolo importante

Leopardi e i fenomeni elettrici

Nel manoscritto delle Dissertazioni, il giovane Giacomo Leopardi discute il tema del magnetismo, considerato una sorta di antecedente del tema dell’elettricità, per passare poi ad elencare le proprietà del cosiddetto fluido elettrico. All’epoca, infatti, l’elettricità era intesa come vera e propria sostanza chimica, un fluido appunto, che scorre nella materia e che, come scrive il

La condanna all’immortalità

“Non voglio raggiungere l’immortalità col mio lavoro. Voglio arrivarci non morendo. Non voglio continuare a vivere nel cuore dei miei compatrioti. Voglio continuare a vivere nel mio appartamento”. (cit.: Woody Allen) L’idea che un giorno tutto finirà, che di noi non resterà più nulla, nel momento della riflessione, ha da sempre spaventato l’essere umano. Molte