Vai a…

WeeklyMagazine

settimanale di fatti, notizie, cultura

RSS Feed

26 Febbraio 2021

Fake news

I covidioti

Articolo scritto a quattro mani con Patriota nero. Qualcuno, anche nell’immediato, questo dubbio lo aveva sollevato: possibile che nel pieno dell’emergenza Covid, tutti i decessi siano avvenuti a causa del coronavirus? I numeri, infatti, sembravano troppo alti, e qualche conto non tornava. E così è bastato spulciare un po’ meglio le cartelle cliniche e i

Assurdità d’un virus

A distanza di due mesi circa dall’ultimo resumée che feci delle frivolezze che ci vengono proposte sul Covid-19, ho raccolto un’altra serie di orrori in grado di far tremare i più agguerriti difensori della logica. Si tratta, per lo più, di affermazioni apodittiche (ma senza capo né coda) che ci vengono propalate dai media, dalle

Le balle del virus

Vi hanno raccontato un mucchio di balle. È vero che la forma tondeggiante del Covid-19 invoglia alle similitudini, ma qui si sta esagerando. Sì, d’accordo, io sono un complottista e vedo l’uomo nero in ogni ombra, però sono anche abituato – per formazione scientifica – a prendere carta e matita e fare i conti prima

La distopia dei leoni da tastiera, dei sedicenti opinionisti e dei giornalisti sui generis

Lo riportiamo nella vignetta di stamani: Chef Rubio, al secolo Gabriele Rubini, sembra sia stato messo alla porta da Discovery Channel. Non è piaciuto, probabilmente, il ruolo di improbabile opinionista che da qualche tempo “er còco de noantri” si voleva ritagliare. Numerose le esternazioni di Rubio fuori tema, in verità fuori misura, al di là

Mainstream, populismo e fake news: nulla di nuovo sotto al sole

Oggigiorno bisognerebbe vivere da eremiti per non aver sentito, svariate volte al giorno, i termini “mainstream media”, “populismo” e “fake news”, tuttavia questi termini pare abbiano altrettanti significati quante le fonti che li usano (o per meglio dire strumentalizzano). Premetto che il mio articolo vuol essere innanzitutto un´esercizio di riflessione critica che spero incoraggi altri

Le scarpe di Juncker

Alcuni (oggi anche nei palazzi romani) sostengono che la professione del giornalista andrebbe riformata, che l’Ordine andrebbe abolito, che il sistema attuale é anacronistico nei tempi di internet e Facebook. É vero, le notizie oggi corrono spesso sui social diffondendosi spesso più velocemente che tramite le testate giornalistiche ma bisogna anche riconoscere che i social

Quarto potere e controinformazione

Non gliene importa nulla se il 10% dell’arsenale nucleare di Usa e Russia basta e avanza per cancellare la vita sul pianeta: al clan dell’intelligence Usa sono bastati 24 giorni il tempo in cui è rimasto in carica il generale Flynn, consigliere per la sicurezza nazionale per archiviare le promesse di distensione, dopo le forti

Le fake info degli 007

Si parla molto di questi tempi di “fake news”, le notizie fasulle che spesso si diffondono grazie ai social network ma, talvolta, anche a mezzo di giornali poco attenti alla verifica delle notizie che pubblicano. In effetti internet ha, da un lato, facilitato la diffusione delle notizie ma, dall’altro, ha consentito l’elusione dei fisiologici meccanismi

Non è colpa nostra

Spesso mi è capitato in questi giorni di ascoltare commenti di ogni genere in merito all’uccisione di un ladro penetrato in casa di un avvocato di Latina. Il fatto in sé non meriterebbe commenti particolari, salvo far notare che – come al solito – il povero avvocato Palumbo si vedrà perseguire per omicidio volontario a