Vai a…

WeeklyMagazine

settimanale di fatti, notizie, cultura

RSS Feed

27 Febbraio 2021

El Alamein

El Alamein, 23 ottobre – 5 novembre 1942: Folgore!

Quando Paolo Caccia Dominioni scrisse al generale Montgomery per rinfacciargli tutta la prosopopea e la spavalderia menzognera con cui si era vantato di una vittoria non vinta, scrisse, tra l’altro: “…l’enorme valanga, per quattro giorni e quattro notti, fu ributtata alla baionetta, con le pietre, le bombe a mano e le bottiglie incendiarie fabbricate in

Paolo Caccia Dominioni: lettera a Montgomery

Pubblichiamo questa lettera del Comandante Caccia Dominion al Generale inglese Montgomery a perenne ricordo di tutti i soldati italiani che persero eroicamente la vita nel teatro di guerra di El Alamein. PAOLO CACCIA DOMINIONI COMANDANTE DELXXXI BATTAGLIONE GUASTATORI DEL GENIO “LA’ DOVE IL GHIBLI SOFFIA E BRUCIA IL SOLE SON RIMASTE LE ETERNE E INCANCELLABILI

“Folgore” nel deserto (2a parte)

Lo “spirito di corpo” è sempre stata una potentissima arma nelle mani dei comandanti per portare i loro uomini a fare e, molte volte, a strafare. Le sue origini hanno come base l’emulazione o, in parole più dure, l’istinto antisociale di prevalere; la forza del gruppo è sempre servita per emergere. Ma va anche detto,

“Folgore” nel deserto (1a parte)

Una delle più grosse difficoltà psicologiche che dovettero superare i paracadutisti della Divisione “Folgore”, durante la “Campagna del Nordafrica”, fu quella di trovarsi, quasi a loro insaputa, sepolti nella sabbia del deserto. La cocente delusione di aver dovuto abbandonare il paracadute per essere declassati al rango di un regolare reparto di fanteria, fu un’umiliazione che,