Vai a…

WeeklyMagazine

settimanale di fatti, notizie, cultura

RSS Feed

29 Ottobre 2020

economia

Il politico conservatore – 500 miliardi di PIL per salvare l’Italia. Solo coi Recovery Fund si può

Il lucido (a volte troppo, come le scarpe, sapete, quando vogliono fare bella figura…) Marco Travaglio, ha sostenuto a suo tempo tra le righe e a volte anche nelle righe, che la sinistra, fino all’odierno colluso PD, sembra nella storia esser stata sempre “foraggiata”, pagata, per non fare la politica giusta contro Berlusconi. In effetti,

Si muore anche senza lavoro

Era quasi scontato che in autunno ci sarebbe stata una recrudescenza del problema. La riapertura delle scuole, con la consequente promiscuità dei ragazzi (tra i meno attenti a seguire certi precetti basilari d’igiene come anche il semplice lavarsi le mani) che secondo me finiscono per diventare vettori de morbo, e l’andamento stagionale di patologie come

Recovery fund: progetti buoni e cattivi

Recovery fund, i 557 progetti dell’Italia: ospedali e lavoro, ma anche voucher computer e borse di studio. La scuola, con la «trasformazione digitale» di 368 mila aule e la creazione di 2.700 laboratori. La sanità, con un massiccio investimento negli ospedali, 34, 4 miliardi di euro, praticamente la stessa cifra che potremmo avere dal Mes,

Poggi (Deloitte): Investire su start-up promettenti e abilitare imprese e istituzioni al digitale. Dopo il Covid-19 ci aspetta l’era dell’innovazione antropocentrica

Secondo l’Innovation leader di Deloitte NSE, Andrea Poggi (NDR: in foto), il Covid-19 ha dimostrato che l’innovazione dovrà essere sempre più antropocentrica, ovvero centrata sui bisogni delle persone, che si aspettano esperienze digitali fluide e personalizzate. Per arrivare a questo obiettivo bisogna investire sulle start-up più innovative e abilitare imprese e istituzioni a una piena

Tecno vince la terza edizione del “Best Managed Companies” di Deloitte. E’ il terzo anno consecutivo

Il piano di crescita dell’azienda prevede più di 140 nuovi ingressi nel prossimo triennio. L’azienda investe più del 6 per cento in ricerca e innovazione. Nei prossimi 18 mesi previste nuove acquisizioni Tecno (www.tecnosrl.it), player di riferimento nel settore dell’efficienza energetica da più di venti anni impegnata nella ricerca e lo sviluppo di soluzioni sostenibili,

Terza edizione “Best Managed Companies” di Deloitte supporta e premia l’eccellenza di 59 aziende italiane

59 aziende insignite del Premio ‘Best Managed Companies’ di Deloitte, nato per supportare e premiare le aziende italiane eccellenti per capacità organizzativa, strategia e performance Valutati 6 pillar: Strategia, Competenze e Innovazione, Corporate Social Responsibility, Impegno e Cultura Aziendale, Governance e Misurazione delle Performance, Internazionalizzazione  Tutte le società hanno dimostrato grande capacità e resilienza nell’affrontare

Il lavoro interinale o in somministrazione

Negli ultimi anni del ‘900 gli imprenditori assumevano sempre più raramente perché, con il diffuso contratto di lavoro dipendente, avrebbero poi dovuto conservare in forza i lavoratori assunti per tutta la durata della loro vita lavorativa: ed era questa una prospettiva che le aziende non potevano permettersi. I tempi imponevano già una maggiore snellezza ed

Intervista a Mirko De Carli su accordi europei per crisi economica da Covid-19

Ciao Mirko. Vediamo di capirci qualcosa sugli accordi per i fondi europei per affrontare la crisi economica da coronavirus. Soldi dall’Europa: solo un “giro di conto”? Meglio per l’Italia continuare a emettere CCT? Meglio un patto tra Stato e cittadini che faccia fruttare i 2mila (o 4mila?) miliardi di euro di risparmi degli italiani, indebitando

La certezza del diritto

Il prof. Sergio Bevilacqua, sociologo ma anche progettista dello sviluppo economico e sociale di area vasta presso Enti pubblici e Consorzi pubblico privati nonché Consulente di direzione e organizzazione aziendale presso gli stessi organismi, illustra con lucida analisi la situazione della giustizia italiana e come le sue disfunzioni non solo colpisca il privato cittadino che

I valori umani nelle aziende

Stare bene in azienda significa qualità della produzione, lavorare meglio e di più. Non è solamente il fatto di starci volentieri, l’ambiente ha la sua importanza determinante, ma non è tutto. Stare bene in azienda vuol dire trovare nel lavoro una delle maniere utili alla propria realizzazione, alla propria crescita personale, culturale, umana e sociale.

Ancora troppi operatori del settore turistico non investono tempo in alcuna attività di marketing online

Berlino, 17 Luglio 2020 – “Più della metà degli operatori non intraprende nessuna attività, neanche gratis, di marketing digitale, dispongono di strumenti per monitorare il tracciamento delle performance limitati o nulli, e rimangono insoddisfatti dei loro sforzi. Questo è quello che emerge da uno studio pubblicato da Arival, realtà americana che si occupa di riunire

Smartworking … ke passione!

Si è fatto un gran parlare in questi giorni di smartworking in occasione dello spostamento dei lavoratori in casa propria per le esigenze legate alla pandemia. In realtà quanto si è verificato ha poco dello smartworking e molto dell’antico lavoro a domicilio. Nella maggior parte delle ipotesi infatti l’iniziativa del fenomeno è derivata da richieste

L’impatto COVID-19 sulle imprese italiane: quasi il 40% forse chiude

Quasi il 40% delle imprese italiane (che occupano circa 3,6 milioni di addetti) rischia la chiusura a causa della crisi connessa all’emergenza da Covid-19. È il drammatico risultato del blocco delle produzioni resosi necessario per contrastare il contagio, una sospensione che ha coinvolto quasi metà del tessuto produttivo italiano. Delle aziende a rischio chiusura la

Welfare aziendale e Costituzione

I tradizionali benefits erano concessi in azienda da disposizioni unilaterali del datore di lavoro a vantaggio dei lavoratori, in modo da assicurare, al di là della abituale retribuzione monetaria, vantaggi di ordine economico attraverso diverse forme. Per chiarire immediatamente con esempi, benefit deve intendersi da sempre la mensa concessa gratuitamente o a prezzi simbolici, l’uso

COVID-19 ed esigenze di riforme nell’ambito dell’organizzazione del lavoro

Il verificarsi della pandemia è stato il fattore scatenante di un fenomeno presente ormai da anni nel mondo del lavoro nazionale. Le misure adottate per far fronte al Covid19 hanno portato alla luce le magagne della organizzazione del settore, determinando sostanziali mutamenti alle modalità che ciascuna azienda conservava in maniera immodificata dal passato. Nella realtà,

I misteri di Villa Pamphilj

A Villa Pamphilj, a Roma, Giuseppe Conte ha celebrato gli Stati generali e la sua figura meschina, una serie di incontri con istituzioni internazionali, sindacati e associazioni di categoria, per discutere il rilancio economico dell’Italia dopo la pandemia. Una roba semplice insomma. Giuseppe Conte ha incontrato tutti ma più che altro ha dato ragione a

Outlook Campania: il rilancio del sistema produttivo passa da bandi di finanziamento snelli, velocità di istruttoria e di erogazione

Competere.Eu: “La Regione ha l’opportunità di fondi ancora disponibili: utilizzi bene i soldi che ci sono e si prepari a quelli del Recovery Plan”. “Bandi di finanziamento snelli, velocità di istruttoria e di erogazione come avvenuto con le agevolazioni al settore artigianato del 2018. Sono questi i punti cardine di cui la Regione Campania ha

Patuanelli, caso Wirpool: “Non ho strumenti per fermare una multinazionale”

Il 16 gennaio, durante una riunione al ministero dello sviluppo economico, l’amministratore delegato per l’Italia Wirpool Luigi La Morgia ha sostenuto che l’impianto di Napoli perde venti milioni di euro all’anno e dunque non è più sostenibile. Chi era presente ricorda una frase del ministro Stefano Patuanelli (Movimento 5 stelle), che ha fatto storcere la

Il programma inconfessabile del Conte Tacchia…

In un momento per La Nazione così delicato il Conte Tacchia è riuscito a svolgere il compitino assegnatogli da Bruxelles ecco i punti essenziali che ai non stolti sono chiari già da tempo: Ristrutturazione industriale: Ossia smantellamento delle PMI che saranno acquistate per 4 soldi dalle multinazionali; Rilancio dell’economia mediante sacrifici e contributi di “solidarietà”:

Fase 2: Arleo, “Rapidità e certezza erogazione dei contributi a fondo perduto per PMI”

Roma, 1 giu. (Adnkronos/Labitalia) – “Rapidità e certezza della erogazione dei contributi a fondo perduto devono essere gli obiettivi del decreto Rilancio pertanto ben vengano esempi di modifiche agli incentivi, come quello di Resto al sud di Invitalia che premia coloro che sono in regola con le disposizioni previste dal finanziamento ed hanno regolarmente completato

COVID 19, aiuti alle imprese: il grande bluff

Due settimane fa, in questa rubrica era stato presentato il piano di aiuti alle imprese per l’acquisto dei dispositivi di protezione individuale. Come ricorderete, questa agevolazione prevedeva l’invio di una prenotazione on-line sul sito di Invitalia, a partire dalle ore 09,00,00 del 11/05/2020 e fino al giorno 18/05/2020. L’agevolazione prevedeva un budget disponibile di €

Covid-19, aiuti alle imprese

E’ stato varato un nuovo e concreto aiuto in favore delle imprese che effettueranno o hanno effettuato acquisti in materia di prevenzione Covid-19. Infatti Invitalia, attingendo aI fondi Inail , per un totale di disponibilità pari ad € 50.000.000,00 garantisce la possibilità di un rimborso per l’acquisto di DPI. L’importo massimo rimborsabile è pari ad

Dopo il lockdown, lacrime e sangue

Circa 8,5 milioni di atti pronti a essere notificati dall’Agenzia delle entrate dalla conclusione del lockdown fino a dicembre 2020. Il dato è stato fornito dal direttore dell’Agenzia, Ernesto Maria Ruffini, intervenuto ieri in commissione finanze della camera sul decreto legge liquidità (dl. 23/20) . Il direttore delle Entrate ha poi aperto alla possibilità di

La spesa ai tempi del coronavirus

Dopo 4 settimane di arresti domiciliari hai finito anche il burro e ti rendi conto che è ormai necessario andare a fare la spesa. Il frigo è così vuoto che potresti usarlo come barometro e in cantina non è più nemmeno rimasto l’odore dei salami che pendevano dalla volta. Il vino, poi, è come evaporato.

Covid-19: le misure di sostegno per agenti di commercio, avvocati, scuola

L’emergenza Covid-19 sta alterando le nostre abitudini, ma sta anche causando seri problemi all’economia. Analizziamo alcune delle conseguenze derivanti dagli effetti delle restrizioni e le decisioni per supportare alcune delle categorie iu difficoltà. AGENTI DI COMMERCIO L’Enasarco ha varato una misura di sostegno per gli agenti iscritti e , a partire dal 03/04/2020 fino al

Covid-19 e il settore dello sport

Uno dei settori maggiormente colpiti dalla crisi, a causa delle decisioni restrittive per evitare la diffusione della pandemia, è quello dello sport. In effetti sin dal primo decreto, il Governo ha deciso per la chiusura immediata delle palestre, centri fitness e di tutte le attività sportive, perché attività di forte aggregazione. Il Decreto Legge ,

Banchieri e bancari

Quand’è che la banca fa davvero la banca, cioè, come diceva Guido Carli, assolve alla funzione non solo economica ma anche sociale? Sicuramente quando fa arrivare il denaro dei risparmiatori là dove può produrre lavoro e quindi ricchezza. Ma non solo, anche quando aiuta le aziende a espandersi o a salvarsi da una crisi, e

Che succede oggi in Italia (2a parte)

Tuoni e fulmini non sempre sono forieri di pioggia. Italia Viva continua a minacciare di staccare la spina al governo, ciò nonostante ha votato la fiducia al governo sulle intercettazioni e sulla prescrizione, sebbene sulla prescrizione abbia votato con l’opposizione. E’la tipica coerenza Genziana (“Se perdo lascio la politica”, ecc.) Incoerente? Probabilmente hanno ragione coloro

Che succede oggi in Italia?

La settimana che si è appena conclusa ha visto alcuni avvenimenti della politica e dell’economia italiana che a prima vista non sembrano tra loro collegati, ma ad un occhio più attento mostrano segnali preoccupanti. Partiamo dal progetto di fusione tra due delle maggiori banche italiane, Intesa San Paolo (che è già il risultato di una

Taranto, ora si va verso lo spegnimento

Avviato lo spegnimento dell’alto forno n.2 del polo siderurgico di Taranto, il più importante d’Italia e il secondo d’Europa. Il provvedimento della Procura, scaturito a seguito dell’inchiesta su un incidente mortale del 2015 a cui l’azienda non ha posto riparo ottemperando a tutte le prescrizioni in tema di sicurezza, segna un brutto colpo per l’Italia

ILVA, era già tutto previsto?

A costo di sentirmi dare del prevenuto e del malfidente, voglio qui esprimere un dubbio che mi assale da qualche giorno, e cioè che il pasticcio dell’ILVA sia stato freddamente pianificato. Pensiamoci un momento: Mittal Steel Company N.V. è un colosso Indo-Britannico abituato a grandi produzioni che si confronta da anni coi grandi gruppi cinesi.

Operazione banca…rotta

L’Italia, contrariamente a quello che pensano molti suoi figli, non è un piccolo Paese, ma un grande Paese: uno dei maggiori d’Europa – per popolazione, superficie, peso economico, prestigio storico culturale – e uno dei maggiori al mondo. La sua moneta, fra gli anni ’50 e ’60 del Novecento, è stata una delle più forti

Industria italiana: non muta il copione

Alcuni anni or sono, come molti di voi ricorderanno, la Confindustria lamentava una mancanza di programmazione strutturale che portasse ad una crescita efficace dell’industria italiana, settore trainante della nostra economia al pari – se non più – del turismo, del commercio e dell’agricoltura. Sia Abete che Marcegaglia predicarono al vento, essendo il vento costituito da

La via della seta o una nuova colonizzazione?

Deng Xiao Ping suggerì a chi sarebbe venuto dopo di lui di muoversi nel mondo sempre mantenendo un basso profilo per non spaventare gli amici e soprattutto i nemici/concorrenti. Il suggerimento è stato fatto proprio da tutti i suoi successori che hanno sempre ripetuto che l’obiettivo della nuova Cina è sempre e soltanto quello di

Cosa sta succedendo?

Sono più di 10 anni che siamo in crisi economica, e le conseguenze per la popolazione ed il nostro territorio sono simili a quelle di una guerra. Anzi forse peggio di una guerra.Si può parlare di crisi economica per un paese povero di risorse, senza capacità produttiva, costretto ad importare la maggior parte dei beni

Il clima. Una bambina. Tanti interessi.

Avete notato che ultimamente è uso servirsi delle bambine per fare pubblicità? Quest’uso criminalmente strumentale sembra aver preso piede in molti ambiti e Paesi da un po’ di tempo a questa parte, vuoi per pubblicizzare una merendina, vuoi addirittura per rendere più credibili battaglie sociali di portata mondiale. L’ultimo caso è molto recente. Sul blog

Banche e miliardari

“Banca d’Italia e Consob andrebbero azzerati, altro che cambiare una o due persone. Azzerati….”ha detto sabato Matteo Salvini a Vicenza, davanti alla platea di risparmiatori della Popolare Vicenza e Di Maio nella stessa occasione “Chiediamo discontinuità e quindi non possiamo confermare le stesse persone che sono state nel direttorio di Bankitalia…” Sono dichiarazioni bellicose a

Grazie Euro…

Da quando c’è l’euro, ogni cittadino tedesco ha guadagnato in media 23mila euro, ogni italiano ne ha persi 74mila (NDR: l’immagine principale a corredo di questo articolo tabella proprio l’impatto dell’introduzione dell’euro sulla prosperità per abitante e complessiva dal 1999 al 2017). Che l’Euro sia oggetto di continue polemiche circa la sua efficacia o meno

La politica dell’energia

Tutti sono sempre molto attenti alle evoluzioni, assai altalenanti, del prezzo del carburante. I media danno costantemente notizie connesse al problema, riferendosi ormai solo ai Paesi del Medioriente, produttori quasi assoluti del quantitativo di petrolio importato e detentori delle riserve, in barili accantonati, che determinano i reali movimenti di mercato. Ma nessuno sa (chi sapeva

Le colpe dei padri

Ci risiamo. Stando alle informazioni pubblicate dall’ISTAT l’Italia è di nuovo entrata in recessione: la terza volta dal 2008. Si direbbe che stia diventando un vizio. Il fatto è che puntualmente ciò accade non appena un governo inizia a creare stabilità e sconvolge i piani di chi ha preso l’Italia a bersaglio delle sue politiche

Quota 100: i chiarimenti

Con il Decreto del 17 gennaio pubblicato in Gazzetta Ufficiale, Quota 100 è diventata una realtà. Analizziamo alcuni punti chiave di questo decreto per cercare di dare un po’ di chiarezza. Innanzitutto la possibilità di pensione anticipata , rappresentata dalla quota 100 riguarda solo i soggetti iscritti alle gestioni dell’Inps, non è pertanto utilizzabile dai

I bond italiani spiegati facili

Da alcuni anni nel linguaggio economico ricorre un termine nuovo: il bond. Abbiamo sentito parlare infatti di Monti-bond, di mini-bond, e via dicendo, e scommetto che la maggior parte della gente ignora il significato di questo titolo finanziario, che già esisteva da tempo immemorabile sotto il nome di obbligazione. Ritengo, anche se molti lettori avranno

La guerra per l’Artico

È curioso che alcune persone non comprendano appieno il fatto che l’Artico è molto più di un brullo deserto ghiacciato o della proverbiale patria di Babbo Natale. Secondo gli esperti geologi americani, sotto la sua [imponente] vastità, la regione artica nasconde fino al 30% delle riserve di gas non scoperte, a livello mondiale, insieme al

Le banche e l’invenzione dell’euro

Il primo gennaio del 1999 la moneta veniva introdotta ufficialmente in 11 Paesi dell’Ue, compresa l’Italia. Le monete, tuttavia, iniziarono a circolare solo nel 2002: nei suoi primi tre anni di vita, l’euro è stato utilizzato esclusivamente per i trasferimenti elettronici e per tutte le operazioni che non richiedevano pagamenti in contanti. Dall’introduzione dell’euro i

Interessi, sangue e acqua

La seconda crisi dello Spread si sta risolvendo felicemente di nuovo per le banche italiane. Siamo stati sottoposti da questa estate ad un bombardamento di titoli sui giornali, articoli e dichiarazioni e commenti in TV su come lo Spread faceva soffrire i bilanci delle banche. E questo grido di dolore alla fine ha intenerito anche

Post più vecchi››