Vai a…

WeeklyMagazine

settimanale di fatti, notizie, cultura

RSS Feed

22 Gennaio 2021

Benetton

Autostrade: fuori i Benetton, e noi paghiamo!

Una vecchia canzone della goliardia patavina iniziava con: “Eravamo tre fradei, tuti rossi de cavei…” Tralascio lo sconveniente seguito, comunque non pertinente l’ho citata perché ogni volta che si sentono nominare i fratelli Benetton mi torna in mente il ritornello. È spiacevole ma occorre ritornare nuovamente sulla querelle tra governo e famiglia Benetton relativa all’uscita

Il politico conservatore – Dal Britannia al crollo del ponte Morandi

Il dibattimento sulle responsabilità delle manutenzioni necessarie, se straordinarie o no, causa di 43 vittime innocenti nel crollo del Ponte sul Polcevera a Genova, cosiddetto Morandi dal nome dell’ingegnere suo progettista, è aperto e quindi potremmo scoprire che le responsabilità finali sono dello Stato e non degli opportunisti concessionari Benetton. Ma un video sul Britannia

Toscani, i ponti e le sardine

Lo confesso: non ho mai avuto simpatia per Oliviero Toscani. L’ho sempre considerato un gretto radical chic troppo pieno di sé e dei denari che nei decenni ha ricevuto dalla famiglia Benetton per quattro fotografie neanche tanto belle ma sempre e comunque offensive. Toscani ha fatto della provocazione una bandiera, ha sempre cercato di sorprendere

La grande abbuffata (2a parte)

ECCO COME PRODI HA REGALATO A DE BENEDETTI E CRAGNOTTI LA SME, CHE RIUNIVA TUTTE LE ATTIVITÀ AGROALIMENTARI DELL’IRI (segue dalla scorsa settimana) . L’affare InfostradaNel 1997, il Governo Prodi svende Infostrada (dello Stato) a De Benedetti per 700 miliardi di lire, da pagarsi a rate in 14 anni. De Benedetti la rivende immediatamente (dopo aver

La grande abbuffata (1a parte)

ECCO COME PRODI HA REGALATO A DE BENEDETTI E CRAGNOTTI LA SME, CHE RIUNIVA TUTTE LE ATTIVITÀ AGROALIMENTARI DELL’IRI Gira in Rete il filmato di una studentessa di Bologna, Cristina, di «Rethinking economics» che alquanto arrabbiata si rivolge a Romano Prodi in questi termini: «Non possiamo dimenticare che lei, come presidente dell’Iri, ha svenduto il patrimonio