Vai a…

WeeklyMagazine

settimanale di fatti, notizie, cultura

 
Direttore: Vincenzo Di Guida

RSS Feed

23 Settembre 2019

Editoriali

Art.21 Costituzione: non vale se sei di destra

Sono tempi duri per la libera circolazione delle idee questi. La libertà di pensiero e anche di stampa, intesa come un diritto / dovere dei Giornalisti a raccontare la realtà che vivono ed esprimere le proprie idee, non dovrebbe avere censura di sorta. Lo dice anche l’art.21 della Costituzione: «Tutti hanno diritto di manifestare liberamente

L’azzardo del Conte bis

In tanti hanno giudicato precipitoso il comportamento di Salvini, che ha di fatto scatenato la crisi di governo di agosto scorso, un grave errore strategico. Insomma molti osservatori politici sono convinti che il Capitano s’aspettasse che cadendo il Governo s’andasse alle urne, così da capitalizzare il forte consenso popolare sino ad allora conquistato. In tanti

WM verso i 100.000 lettori

Superata in settimana l’ultima boa che proietta il nostro settimanale verso il ragguardevole traguardo dei 100.000 lettori. Un traguardo importante, soprattutto morale, che in effetti pensavamo di raggiungere entro fine anno ma che, a quanto pare, conseguiremo addirittura con uno o due mesi d’anticipo. Segno del gradimento delle rivista e del lavoro di tutti i

L’azzardo di Mattarella

Leggendo in rete moltissimo in questi travagliati giorni in cui l’Italia dovrebbe partorire un nuovo governo di centro sinistra, mi ha colpito un post che replico tal quale: “Breve cronistoria di come il centro-sinistra sia riuscito ad andare al potere in Italia negli ultimi 25 anni: a) 1995-1996: vanno al governo con un ribaltone ai

La politica dell’inciucio e del ribaltone

Parliamo della crisi di governo, ovviamente, e il suo strano andamento con tutti che si fanno la corte a vicenda e la guerra contemporaneamente. Un momento prima sembra che l’idillio PD – M5s si possa fare ma subito spuntano i distinguo tra cui la volontà di discontinuità dei Dem per cui non è concepibile un

L’immigrazione senza regole fa male a noi

Sono gli italiani le vere vittime dell’immigrazione incontrollata. Costringerci a subire invasioni è una violenza inaccettabile. La società italiana è fra le più avanzate sul piano scientifico, giuridico, artistico, tecnico. Quello che non possiamo, e non vogliamo fare, è essere costretti a comportarci come se, viceversa, fossimo poveri selvaggi, privi di capacità razionali che di

Tette al vento, la culona tedesca, Macron e i traditori della Patria

Lo confesso nella mia condizione politicamente scorretta di maschio etero, sono rimasto un po’ deluso, la sinistra italiana aveva promosso il “freenipplesday” (letteralmente giornata dei capezzoli liberi) la giornata in supporto alla Capitana Carola Rackete finita nel mirino di Libero per essere andata in procura senza reggiseno. Due attiviste di Torino Nicoletta Nobile e Giulia

Americani perplessi per la benda. Ma negli USA….

…la polizia statunitense fa molto peggio! La storia è nota: due balordi americani comprano droga da un pusher romano che li frega venendo loro Tachipirina macinata. Uno dei due, improvvisamente e inaspettatamente, accoltella un carabiniere che muore per le ferite inferte. L’omicida viene portato in caserma e spunta una sua foto che lo ritrae ammanettato

Da Carola ad Albione

Non ci voleva molto a capire che la nave della ONG, entrata a Lampedusa dopo un braccio di ferro di 15 giorni circa con il ministro Salvini, avrebbe avuto una grande copertura mediatica e i tanti sostenitori della migrazione incontrollata si sarebbero strappati i capelli per dimostrare che bisogna “essere umani “ed accogliere tutti gli

Devo aver capito male!

Probabilmente mi è sfuggita qualche puntata della campagna antigovernativa propalata dalle TV di stato e Mediaset. Sono stato assente per poco più di una settimana a causa di un piccolo problema e al mio ritorno ho trovato una barricata di fuoco e vetriolo su tutti i social e sui Tg di ogni razza e colore.

Post più vecchi››