Vai a…

WeeklyMagazine

settimanale di fatti, notizie, cultura

RSS Feed

23 Settembre 2021

Post di: Sergio Bevilacqua

Draghi e Mattarella: nuovi partiti per il bene della cosa pubblica italiana

Mario Draghi non è un leader politico, ma uno dei vertici istituzionali dello Stato. E non va inteso come taumaturgo, ma come soggetto istituzionale che potrebbe promuovere burocraticamente una legge per fare ripartire i partiti attuali, le cui leadership non hanno interesse a cambiare, mentre un soggetto istituzionale interessato realmente al miglior governo dello Stato

Se Draghi è un manager deve varare una legge sui partiti

Parallelamente riporto alcune notazioni su come la Lega si è posta, partito di lotta e di governo, rispetto alla questione Green-pass: ottiene sembra, in modo ancora non ben definito, il risarcimento da parte dello Stato per danni conclamati (e gli altri precisano “irreversibili”, precisazione di non poco conto…) dai vaccini imposti, con la premessa di

Draghi, Orwell e la pandemia

Speranza e saggia gestione della epidemia da Covid-19. La Sociatria Organalitica, la mia scienza sociologica rinnovata, nasce come prassi dell’intervento di cambiamento socio-organizzativo e politico attraverso l’uso magistrale dello strumento *verbale* (lessurgia). Se non fosse così, umile e concreta, non avrebbe prodotto circa 1000 casi clinici, di cui 500 documentati, su società anche di massima

Cinemadamare 2021: al via la XIX edizione

Nova Siri per una settimana capitale mondiale del cortometraggio cinematografico globale. Arriva a Nova Siri, in provincia di Matera, bella località marittima sullo Ionio, la carovana di Cinemadamare. Cinemadamare è il più grande raduno internazionale di giovani filmmaker e il più duraturo campus al mondo per la formazione, la promozione e la produzione dell’arte cinematografica,

Draghi suggerisce vaccini e Green Pass ma, intanto, non si ferma la cultura. A Cortina d’Ampezzo kermesse di Renato Barilli

Agosto è abbondantemente iniziato ma non calano le polemiche sulle misure per la pandemia di Covid19, che continua a preoccupare. Peccato, perché è sempre stato un periodo di sospensione dei pensieri e delle preoccupazioni, quello delle vacanze estive: invece, nel 2021, per andare serenamente al mare o in montagna occorre fare attenzione a molti fattori:

FINALE: DRAGHI BATTE GRILLO 7 A 0

Sono scese in campo in questi ultimi mesi le squadre della Rivoluzione Democratica e quella della Restaurazione Democratica. Nella finale della legislatura crolla l’accozzaglia cinquestelle. Entrambe avevano motivo di tentare di vincere la tenzone, in quanto il vuoto lasciato del vecchio corpo partitocratico, giustiziato da Mani pulite, aveva privato lo Stato di una guida, dunque

Draghi: la variante indiana e la variante renziana. Pandemia, Pan-dominio e Pandemonio

Ed eccoci di nuovo alle prese con ben 2 eventi (abbastanza…) inattesi: 1. Renzi che rivendica il diritto al passato recente (nomination di Draghi) a alla visione del futuro che lui avrebbe a differenza di altri e scrive un libro per convincere; 2. l’onda main-stream che ridefinisce il futuro della pandemia, con la variante indiana

Apre con la “Cavalleria Rusticana” e “Pagliacci” (e Aida) l’Arena di Verona 2021

Il festival veronese mette la città scaligera al centro del quadro nazionale della cultura. Cecilia Gasdia, già eccelso soprano, è sovrintendente della Fondazione Arena di Verona solo dal 2018, e già si è trovata di fronte a sfide colossali quanto il più grande teatro romano del mondo ancora pienamente attivo, la sua Arena. La pandemia

Draghi e l’LGBTQIA, il difficile confine tra ciò che è di Cesare e ciò che è di Dio

Mario Draghi ha deciso, son certo suo malgrado e per politica continentale, di prendere per le corna il toro LGBTQIA (e resto dell’alfabeto). Lo affronterà in una corrida di certo politically correct, prendendo ciò che è “di Cesare” sul tema, e lasciando ciò che è “di Dio” a chi di dovere. Sono piuttosto fiducioso anche

Mario Draghi e l’ultima Cina

Mario Draghi sta conducendo con intelligenza lucidissima la politica estera italiana. Nessuno può dare pareri definitivi, ma al G7 lo si è visto molto forte verso gli altri del mondo: non esibisce mogli, e sorride. Un grande. Mi sta piacendo davvero. E olimpicamente digerisce il bibitaro Di Maio agli esteri, quello del penoso uno vale

‘A Draghi … ma ‘ndo vai se i partiti non ce l’hai?

Partito e Democrazia al giorno d’oggi in Italia: per una legge sui Partiti. Dobbiamo confermare con serietà e maturità che per la prima volta forse nella storia repubblicana abbiamo un Presidente del Consiglio in grado di farsi seguire a livello continentale e mondiale. Ma, altrettanto, dobbiamo riconoscere che per tenere dritto il timone, Draghi ha

Il caso Brusca e la strategia antimafia. Da Conte a Draghi, giustizia sempre … Brusca?

Che un ministro improvvisato, come il povero Bonafede Ministro della Giustizia nei malaugurati governi del paperotto Conte, mettesse in mostra tutto il dilettantismo pernicioso della filosofia politica grillina, figurando anche peggio di ciò che già era, a causa delle contraddizioni dell’azione antimafia, ci poteva anche stare. D’altra parte cosa aspettarsi da chi ha teorizzato che

Dragheide – Dragottimismo

Va detto che, rispetto a quanto equilibratamente paventato nelle “puntate” precedenti, il nostro Timoniere sta mostrando un profilo ferreo e rassicurante. Finora, come tempi e contenuti, ci ha preso in tutto. E, quando si parla seccamente di Fisco non lascia adito a dubbi: niente tasse, espansione, fiducia e forza impresa e consumi. Rimane l’ipotesi abusata

Perché Draghi non si paga lo stipendio

Perché …. “La vita è breve, l’anima è eterna” ! Fare il Presidente del Consiglio dei Ministri in Italia, avendo cultura istituzionale non solo italiana, mentalità cosmopolita, avvedutezza finanziaria, sensibilità multi-democratica europea (patria della democrazia, anche se UK se n’è andata per motivi tecnici ed economici), serietà, motivazione e concretezza è una missione davvero contraddittoria.

Il sole e Pietro Mascagni a Verona

La nuova alba di “Hundred Opera Man”. In una splendida giornata di sole, domenica 9 maggio, riapre il bel Teatro Filarmonico di Verona. E l’apertura è fresca e originale. Mascagni, compositore di 106 lavori musicali, considerato vigliaccamente “One Opera Man”, fu un compositore poco valorizzato per una serie di scelte personali, tra cui non ultima,

Spari in Libia sull’Italia

Caro Draghi e ancor più caro pupetto Di Maio, mentre sparano ai nostri pescherecci in Libia, diamo uno sguardo sulla direzione che deve prendere la nostra politica estera in virtù del reale andamento della competizione mondiale tra blocchi ed economie. Insomma, vediamo i veri orizzonti strategici. Non deve essere la cultura neo-idealistica a guidare la

Le due malattie di Draghi

Ci siamo lasciati la settimana scorsa con i due virus del Governo Draghi. Vediamo se è cambiato qualcosa a sette giorni. PRIMO VIRUS: COVID 19.Allora, è tutto chiarissimo ormai ai semplici logici che il primo virus del Governo Draghi, la pandemia del mutageno e aerobico, cioè insidiosissimo e contagiosissimo, COVID 19 deve essere trattata a

Ripresa o morte: Draghi e i suoi virus

Non vi è alcun dubbio che il mestiere di Presidente del Consiglio dei Ministri in Italia, oggi, 2021, sia particolarmente arduo. E ciò per 2 motivi prevalenti: 1. la complessa situazione di una pandemia da virus fortemente contagioso e mutageno; 2. la complessa situazione economica con i conti più sballati della glicemia di un diabetico

Draghi, Zan e l’omotransfobia

Mario Draghi e il problema sessuale. Proposta di legge Zan: i pro e i contro. Mentre il virus uccide esseri umani ed economia, mentre il disagio comune si diffonde ovunque, discutere una materia scivolosa e scabrosa come la normazione della differenza sessuale è come spargere olio sotto ai piedi di un vecchio zoppo. In tema

Draghi: ancora ombre sul turismo

Perché. Draghi? I veri termini del problema dello sviluppo economico turistico a Nord e a Sud. Mentre i ministri dello sviluppo economico Giorgetti e del Turismo Garavaglia mandano segnali poco chiari e mostrano un work-in-progress che è forse un work-in-regress (con l’apertura delle rotte verso l’estero e la blindatura dell’incoming…), il settore turistico italiano grida

Lasciando lavorare Draghi, perché la politica è più scienza oggi

Valutando le grandi doti di equilibrio politico che sta dimostrando il Presidente del Consiglio dei ministri Mario Draghi, mi sono venute spontanee alcune riflessioni di carattere generale. In vista della Pasqua, ho il piacere di fare dunque una digressione sul perché tanti lettori hanno il piacere reiterato di leggermi. Quello che fece scattare 50 anni

Il politico conservatore – Via il lupo totalitario

L’UNICO VENTRE DEL LUPO TOTALITARIO. Chi non vuole farsi mangiare dal totalitarismo segua la delibera europea del 19-9-19 contro TUTTI i totalitarismi. Un’amministrazione pubblica davvero di tutti, giovane e intelligente, ad esempio un Sindaco brillante e che ha ben compreso il senso del servizio alla comunità, devono sostenere in modo corretto la guerra ai pericoli

Italia incerta di Dio? Se lo chiede Alleanza Cattolica a un seminario on line

Ieri sera alle 21 (NDR: lunedì 15 marzo), collegati con circa 200 persone online su diversi canali, è stato svolto un dibattito tra personaggi accreditati sui temi dell’adesione al messaggio cristiano cattolico sotto diversi punti di vista in Italia oggi, dal titolo “Il sentimento religioso nell’Italia incerta di Dio”.Il colpo d’occhio, di circa 100 minuti,

Mara Carfagna

Il politico conservatore – Turismo integrato: apriti sesamo dell’Italia del sud

Il miglioramento del turismo per Draghi e il core business di Mara Carfagna al Ministero del Sud. Il Presidente Mario Draghi coglie subito uno dei 3 temi, di sicuro quello più importante e di maggior potenziale per il Prodotto Interno Lordo italiano, lo sviluppo dell’economia e della società italiana: l’Economia Turistica, e, aggiungo io, “Integrata”.

E ora, caro Draghi, bisogna davvero adottare la “Strategia della Spugna”

I destini dell’Italia, con fantasia e coraggio: I have a dream, un sogno, e un programma di sviluppo economico italiano con l’Economia Turistica Integrata (ossia con la strategia della spugna). Non è mai un errore guardare le cose come sono. Mentre in tutto il mondo e anche per noi la Globalizzazione economica omogeneizza, l’Antropocene moltiplica

L’Italia, Draghi e il Mediterraneo

La situazione strategica globale si sta di nuovo progressivamente strutturando. Come sempre, ciò avviene in modo organico, cioè al seguito di “correnti naturali” che hanno il duplice segno economico e strategico. L’economia del mondo, fattore progressivamente emergente nell’ultimo mezzo millennio, sta definendo una sua nuova natura. La macchina dell’industria manifatturiera, suo veicolo e carico, ha

Lettera aperta a Mario Draghi

La vera vittoria del Next Generation Plan EU è la forte crescita del PIL italiano. Caro Presidente incaricato, da socioeconomista clinico, attivo sui funzionamenti di questo Paese da oltre 40 anni, con attività consulenziali, imprenditoriali, formative, accademiche e di ricerca in tutti i campi della vita civile, economica e istituzionale, ho maturato alcune certezze sulla

Un coraggioso Rossini Opera Festival

Come di consueto, grande qualità a Pesaro 2021. La 42esima edizione del Rossini Opera Festival si terrà a Pesaro dal 9 al 22 agosto 2021. Il programma, mai così ricco, prevede quattro nuove produzioni (Moïse et Pharaon, Elisabetta regina d’Inghilterra, Il signor Bruschino e Stabat Mater), Il viaggio a Reims dell’Accademia Rossiniana “Alberto Zedda”, otto

Il politico contestatore – Niente democrazia senza partiti validi

Servono Partiti meritocratici e manageriali. La democrazia italiana è apparente. La sua malattia non è il totalitarismo spicciolo, o quello storico: non è, per intenderci meglio ancora, quello abiurato il 19-9-19 dal Parlamento Europeo che finalmente include lo stalinismo. La malattia della Democrazia italiana è essere aborto o fantasma: mai-nata davvero e rimasta sempre spirito

Politica italiana, un mondo di nani

La sfinge italiana: qual’è il “non nato” che è anche un “non morto”? Aborto e Zombie della Democrazia italiana. La politica italiana è afflitta da una malattia che la sta infestando lungo tutta la sua storia repubblicana, una sindrome da falsa democrazia, nascosta dietro 70 anni di settimane enigmistiche. Attenzione! Non sto parlando di menzogne,

Il politico conservatore: passi indietro, passi calibrati e passo dell’oca

La questione Trump e il nuovo modello merito-aristocratico della Democrazia nel mondo. Perfino un grande Paese come gli United States of America ha un problema di adeguatezza del modello democratico rispetto agli eventi globali e alla strutturazione di fatto del potere nel mondo. Come se la necessaria separazione dei poteri richiesta dalla democrazia sia troppo

Il politico conservatore: Il governo Conte e la sua crisi, sintomi di degrado della democrazia e civiltà italiana

Le recenti vicende della orrenda esperienza del Governo Conte per lo Stato di una Repubblica moderna e democratica, sollecitano alcune riflessioni profonde su questa nostra civiltà italiana. Che un abile giocoliere come Matteo Renzi sia capace con il 3/4% dei consensi di figurare l’uomo forte e il miglior politico italiano (pur in un parlamento di

Il politico conservatore: al voto, al voto!

Conte, Corte e “Corti”. Stavolta si respira davvero una brutta aria. La “variante inglese”, che non è una scelta dell’abbigliamento ma la evoluzione del virus COVID in Albione, riapre ferite non ancora cicatrizzate. Il Recovery Plan, ove intelligenze, concreta visione del futuro e senso pratico dell’oggi, col debito a 2600 miliardi, dovrebbero incontrarsi per cogliere

Recovery Fund: dove mettere i soldi

Il problema dello sviluppo economico turistico a nord e a sud. Il lavoro sull’area delle ceramiche (province di Modena e Reggio Emilia) mostra un giacimento ricco di beni culturali, dalla posizione strategica e praticamente sconosciuto a livello nazionale e internazionale. Tali elementi ne qualificano lo stato di “tesoro nascosto”. Lo utilizzerò come caso emblematico del

Covid-19: Coesione e famiglia

Il “love-code” nell’ambiente familiare in epoca di coronavirus. Si è fatto molto parlare di come le tensioni in famiglia si siano accentuate in epoca di pandemia. Da dove vengono questi nostri problemi? Quali debolezze mostra oggi la famiglia, unione più importante e presente nell’Umanita? Per me, sociologo sociatra, il trattamento dei disturbi della famiglia, ove

Repubblica italiana: valore reale per il mondo, per l’Europa e per gli italiani

Con l’emergenza Covid, i danni per l’indebolimento della salute di sistemi economici fragili (anche se grandi) come l’Italia sono da mettere in conto, e saranno ben visibili. Ma ci si può ancora salvare. Cioè, si può salvare l’opportunità dell’esistenza della Repubblica Italiana, già in discussione sostanziale da tempo, e sono scientificamente sicuro che sia opportuno

Sviluppo economico, debito pubblico e Res Pubblica italiana

La politica economica dell’Europa è la solita, niente di nuovo: dopo una lunga epoca deflaziinistica, ecco riemergere lo strumento inflazionistica, il piano Recovery Fund. La si pagherà a medio termine o con un deprezzamento della valuta Euro o con un cambiamento di rapporto tra reddito e patrimonio, degli europei e, tra gli europei, di quelli

TRUMP/BIDEN: GUERRA O PACE PER IL MONDO?

Il concetto di guerra in teoria dei sistemi equivale a quello di entropia. È certo che i sistemi si disequilibrano e quelli aperti si distaccano dai loro stati stazionari (già moderatamente entropici per loro natura) per motivi intersistemici, cioè composizione interna o esterna. Spesso accade che i sistemi fanno pagare all’esterno i loro squilibri dovuti

Il politico conservatore – Un vincitore, prima di Trump / Biden: l’informazione americana

Nella Stampa in Italia, ignoranti e manipolatori a braccetto: questa non è democrazia. Questa settimana il mio pensiero va alla Stampa italiana, tutta. E voglio segnalare come sia questa la riflessione appropriata settimanale, anche se, quando leggerete, si saprà già chi è il Presidente americano, cosa che non so io ora che scrivo, oggi 5

Il politico conservatore – Democrazia, media e piazza

Si sono svolti in questi giorni diffusi fenomeni di piazza in molte città, da parte di gruppi numericamente rilevanti anche se contenuti rispetto alle comunità di riferimento. Tali gruppi erano caratterizzati da diverse tipologie di soggetti:A) rappresentanti di attività economiche obiettivamente danneggiate dalle disposizioni del Governo, quali i ristoratori in particolare;B) persone che protestavano per

Il politico conservatore – 500 miliardi di PIL per salvare l’Italia. Solo coi Recovery Fund si può

Il lucido (a volte troppo, come le scarpe, sapete, quando vogliono fare bella figura…) Marco Travaglio, ha sostenuto a suo tempo tra le righe e a volte anche nelle righe, che la sinistra, fino all’odierno colluso PD, sembra nella storia esser stata sempre “foraggiata”, pagata, per non fare la politica giusta contro Berlusconi. In effetti,

Il politico conservatore – Uomo e donna: avvicinamento o allontanamento?

I pericoli del Ddl Zan e delle nuove tecnologie riproduttive. L’esperienza sociatrica di circa 200 casi di rapporti di coppia e familiari, condotti anche attraverso l’associazione “Educhiamo Insieme”, ente di servizi preventivi all’iter di scioglimento di unioni matrimoniali, operativa nel centro-nord, ha donato una base clinica ad alcuni elementi di fondo del rapporto uomo-donna, su

Il politico conservatore – “FRATELLI TUTTI”: fratellanza e accoglienza. I Vescovi tremano: Buon Samaritano o Figliol Prodigo?

L’ultima enciclica di Papa Francesco, “Fratres omnes” oppure “Fratelli tutti” avviene in curiosa coincidenza con alcuni fatti: 1. è la prima enciclica che viene firmata fuori dal territorio vaticano, ad Assisi; 2. Zamagni lancia in Italia il nuovo partito dei cattolici “Insieme”. Che sia segno di un rientro in grande stile dei cattolici in politica,

Il politico conservatore – Contro il PD

Il problema della organizzazione interna è uno dei gravi aspetti di deficit del funzionamento dei partiti italiani: 1. Assenza di strutture funzionali di supporto agli eletti; 2. Rapporto strutturato con l’economia del territorio (tema del lobbismo virtuoso e del clientelismo perverso); 3. Qualità del personale politico in genere; 4. Capacità di formulazione di un progetto

Il politico conservatore – Il deep-state dello stato italiano come verme antidemocratico

Il Deep-State è un concetto che va chiarito. Prima di tutto si tratta di una funzione perversa all’interno dell’organizzazione gestionale dello Stato, potenzialmente ramificato tra Stato centrale e Stato locale, le amministrazioni pubbliche del territorio. Poi, si tratta di un insieme di persone che si muovono come un’organizzazione a se stante, cioè non quella a

Il politico conservatore – Una democrazia incompiuta e inutilizzabile

Totalitarismi, stato di polizia e idiozia istituzionale. Questa non è democrazia!  Consentitemi di disvelare L’ARCANO, perché non c’è abitudine in questo Paese a parlare di ciò che più ci affligge, e cioè l’incompiutezza e inutilizzabilità della nostra supposta democrazia. Perché Aemilia, grande processo di mafia al Nord? Perché “Bibbiano”, ove tecnici originali di servizi sociali

Il politico conservatore – Dal Britannia al crollo del ponte Morandi

Il dibattimento sulle responsabilità delle manutenzioni necessarie, se straordinarie o no, causa di 43 vittime innocenti nel crollo del Ponte sul Polcevera a Genova, cosiddetto Morandi dal nome dell’ingegnere suo progettista, è aperto e quindi potremmo scoprire che le responsabilità finali sono dello Stato e non degli opportunisti concessionari Benetton. Ma un video sul Britannia

Post più vecchi››