Un Amore con la A maiuscola custodito nelle 124 lettere di “Segreto di madre” di Stefano Antonini


Bologna, primi anni ’50. Narside, nata in un paesino in provincia di Ferrara, vive con la sua famiglia in via del Luzzo. Non è ricca, anzi, la povertà l’ha sempre costretta a una vita di sacrifici ma, al contempo, l’ha spronata a desiderare un futuro migliore. Non avendo soldi per gli studi, a quattordici anni viene assunta come segretaria presso la Casa della Giovane è lì conosce Angela, una professoressa di filosofia che, colpita della sua determinazione, decide di aiutarla a conseguire il diploma all’Istituto magistrale, traguardo che le consente di lavorare come maestra elementare e grazie al quale riceve la convocazione per il ruolo di vigilatrice alla Colonia AGIP di Cesenatico. “Ha vent’anni e non si occuperà più di carte, ma di bambini. Ed è felice”. Narside però ha anche un altro sogno: costruirsi una famiglia con Aliseo, il ragazzo di cui è tanto innamorata, conosciuto davanti alla Casa della Giovane. Aliseo è toscano, non si sa molto della sua infanzia, ma anche lui come Narside ha umili origini. “Bello, gentile e romantico”, lavora come fuochista, impiego che se da una parte gli assicura una retribuzione funzionale al costruirsi un futuro, dall’altra inibisce la sua vera natura. Sogna infatti di fare il pittore. Ha un animo troppo sensibile per non assecondare la sua vocazione artistica, così decide di trasferirsi a Parigi, meta ambita dagli artisti di tutto il mondo. Narside non prende bene questa scelta, nonostante il profondo amore che li unisce. Aliseo, infatti, non ha mai messo in dubbio il loro sentimento, anzi, per lui tornare, un domani, felice e realizzato sarebbe stata la base da cui partire per assicurarle felicità eterna, ma le cose purtroppo non sono andate come avrebbe voluto. Una storia d’Amore racchiusa in 124 lettere scritte dal giovane tra il 1951 e il 1952, e conservate da Narside per tutta la vita, all’interno di una scatola di latta accuratamente riposta nell’armadio della camera da letto. Un segreto scoperto solo dopo la sua morte dal figlio Stefano il quale, in quanto educatore e formatore, ha pensato di condividerlo con una quarta liceo, al fine di promuovere l’educazione all’affettività e all’ascolto reciproco. Una storia rivelata al mondo in tutta la sua umanità e presto arricchita dalle riflessioni e dalle opinioni di tanti ragazzi che, come i due protagonisti, si trovano a doversi confrontare con un’età delicata, ricca di bellezza ma anche di difficoltà. “Segreto di madre – Parole nascoste di un amore infinito” di Stefano Antonini, è un commovente romanzo epistolare, tratto dalla storia vera di Narside e Aliseo, e diventato oggetto di laboratori realizzati nelle scuole di Bologna e dintorni, con lo scopo di intavolare discussioni costruttive tra gli studenti, in merito alle problematiche tipiche della loro età, tra cui il timore di non riuscire a realizzarsi professionalmente e, soprattutto, la paura di non sapere gestire un Amore con la A maiuscola.

Casa Editrice: Astro Edizioni
Collana: Storie di vita
Genere: Narrativa contemporanea
Pagine: 320
Prezzo: 15,90 €

Contatti
https://astroedizioni.it/

Segreto di madre


.
Fonte:
Francesco Lavorino
Addetto Stampa Il Taccuino Ufficio Stampa