Vai a…

WeeklyMagazine

settimanale di fatti, notizie, cultura

RSS Feed

17 Aprile 2021

L’audiolibro “A ottant’anni se non muori t’ammazzano” di Ferdinando Camon, presentato da il Narratore audiolibri


“Abbiamo paura. La paura è un sentimento nuovo, non lo sentivamo più dal tempo della seconda guerra mondiale. Allora avevamo paura degli aerei, e adesso di che cosa? Di tutto”: Ferdinando Camon espone la sua visione della pandemia di coronavirus nell’opera A ottant’anni se non muori t’ammazzano. Un testo pieno di amarezza e di rabbia nei confronti del trattamento riservato agli anziani durante le fasi più dure del contagio, scritto con la lucidità e la poesia tipiche di Camon, un autore molto apprezzato e tradotto in diverse lingue. Lo scrittore parla della paura indotta dal virus, una “paura astratta, una paura metafisica, di tutto e di tutti”; una paura che ha spinto lo Stato in primis a prendere decisioni che sono andate contro il diritto alla vita di una certa categoria di cittadini. L’autore si rivolge infatti a quella fascia considerata più debole, quella degli anziani, che ha pagato lo scotto della sua fragilità e della sua presupposta inutilità con la vita. La casa editrice il Narratore propone il testo nel doppio formato ebook e audiolibro, permettendo ai lettori/ascoltatori di godersi un’opera così intensa grazie al talento del lettore professionista Moro Silo. Con la sua voce solenne e incisiva presenta l’atto d’accusa dell’autore, sottolineando con ancora più enfasi l’assurdità di una situazione in cui l’essere umano ne esce sconfitto. Perché una società in cui si sacrificano delle vite per favorirne altre è senza dubbio problematica, e chi di dovere non avrebbe dovuto permettere un tale tradimento del diritto all’esistenza. Camon ha ottantacinque anni e si sente quindi chiamato in causa, sapendo di essere potenzialmente tra i non scelti, tra gli scartati. E si indigna e ci va giù pesante, e a ragione: “A 85 anni si dà per scontato che uno sia morto da tempo, a 85 anni uno non ha più diritto di vivere. Io non ho più diritto. Protesto, e queste pagine sono la mia protesta”. Una protesta articolata in un testo che prende in esame molti fattori legati all’epidemia di Covid-19, che rievoca quei primi momenti di smarrimento, che omaggia chi si è impegnato – pagando anche con la vita – per il bene degli altri, e che offre una commovente riflessione sul senso della morte durante la pandemia. Anche il valore della morte, come quello della vita di alcuni, è stato infatti ridimensionato: non più un momento da condividere con i famigliari nella dignità, non più lutto da elaborare con i giusti tempi. Solo tanto dolore, ingiustizia e solitudine.

Titolo: A ottant’anni se non muori t’ammazzano
Autore: Ferdinando Camon
Genere: Narrativa contemporanea
Casa Editrice: il Narratore audiolibri
Letto da: Moro Silo
Durata: 02h 01’ (Versione integrale)
Prezzo: 7,49 €
Codice ISBN 978-88-681-64-003

Contatti
http://www.ferdinandocamon.it/
https://www.facebook.com/ferdinando.camon
https://www.ilnarratore.com/it/
https://www.ilnarratore.com/en/ferdinando-camon-a-ottant-anni-se-non-muori-t-ammazzano-download/


.
Fonte:
Francesco Lavorino
Addetto Stampa – Il Taccuino Ufficio Stampa

Tags: , ,