Vai a…

WeeklyMagazine

settimanale di fatti, notizie, cultura

RSS Feed

25 Febbraio 2021

Il politico contestatore – Niente democrazia senza partiti validi


Servono Partiti meritocratici e manageriali.

La democrazia italiana è apparente. La sua malattia non è il totalitarismo spicciolo, o quello storico: non è, per intenderci meglio ancora, quello abiurato il 19-9-19 dal Parlamento Europeo che finalmente include lo stalinismo.
La malattia della Democrazia italiana è essere aborto o fantasma: mai-nata davvero e rimasta sempre spirito in pena.

In questi giorni è arrivata a tutte le imprese da INAIL la “Comunicazione tasso applicabile 2021”.
A… Civitavecchia, sede della competente direzione dell’istituto, un dirigente civitese che ha passato lustri a cercare il trasferimento a “casa” (e chippuòddarglittorto, dato il sole il mare la cucina e la mamma), invia un documento di 10 facciate SENZA numero di pagina a milioni di ditte, ove sono spiegati con rigor (mortis) scientifico i tassi applicabili alle assicurazioni per incidenti e malattie sul lavoro…

La formuletta nell’immagine sopra sarebbe banalissima per chi ha un figlio Ph.D. in Fisica della materia all’ETH DI Zurigo (l’Università di Einstein) e un altro Ph.D. in Economia internazionale tra Berna e Neuchatel…
Salvo che, volati sulle ali delle loro capacità e non delle ambizioni del paparino, questi bravi giovani non vogliono perdere tempo con tragici deliri. Lo fanno con piacere, invece, nel tempo libero, per esempio a Teatro, alternando, come noi con lo Stato Italiano, tragedia e commedia.

No, leggete, scusando la qualità fotografica, le indicazioni che milioni di aziende stanno ricevendo dal dirigente civitese, finalmente tornato a casuccia…
E diciamoci “qualcosa”. Ma attenzione a non mescolare le pagine, perché poi l’ordine sarà praticamente irrecuperabile, e la possibilità di venire multati crescerà nella statistica di parecchi punti percentuali, piuttosto che il costo di azzeccagarbugli…

UMILIATI E OFFESI DA UNO STATO CANNIBALE, UNA CANAGLIA CHE NON LAVORA PER LA REPUBBLICA.

La colpa? Da sociologo sociatra da più di 45 anni operativo sulla società italiana, posso dire obiettivamente e senza tema di smentita, che la colpa è della DEMOCRAZIA APPARENTE. Una classe politica di eletti SENZA seria organizzazione di Partito alle spalle, in onda nella migliore delle ipotesi per leaderismo e carismatismo, individui costretti all’astuzia e alla menzogna dalla impossibilità individuale di operare in democrazia, il meglio della politica prodotto dalla specie umana, senza una organizzazione alle spalle di persone scelte e preparate sui 1000 e 1000 problemi diversi. Nessuna formula alternativa, all’estero democratico, se non Partiti efficienti, sia nella selezione degli eletti che nel sostegno al loro lavoro previsto in democrazia:
INDIRIZZARE e soprattutto CONTROLLARE IL FUNZIONAMENTO DELLO STATO AI FINI DEGLI INTERESSI REPUBBLICANI, cioè dei titolari di questa Repubblica, NOI, che li eleggiamo a quel fine.

Non arte, in politica… Estro sì, ma soprattutto SANA ORGANIZZAZIONE, strutturata nei PARTITI su Merito e gestione MANAGERIALE.

Tags: , , ,