Vai a…

WeeklyMagazine

settimanale di fatti, notizie, cultura

RSS Feed

20 Gennaio 2021

COVID 19, aiuti alle imprese: il grande bluff


Due settimane fa, in questa rubrica era stato presentato il piano di aiuti alle imprese per l’acquisto dei dispositivi di protezione individuale. Come ricorderete, questa agevolazione prevedeva l’invio di una prenotazione on-line sul sito di Invitalia, a partire dalle ore 09,00,00 del 11/05/2020 e fino al giorno 18/05/2020.
L’agevolazione prevedeva un budget disponibile di € 50 milioni per il rimborso integrale delle spese da parte delle imprese, sull’acquisto di termometri, mascherine, gel disinfettanti, saponi disinfettanti, insomma per prodotti anti-Covid.
La gestione era stata affidata ad Invitalia spa, l’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa il cui amministratore delegato è Domenico Arcuri, che da circa due mesi è anche il commissario straordinario per il potenziamento delle infrastrutture ospedaliere necessarie a far fronte all’emergenza COVID-19.
Che la procedura di prenotazione per effettuare la domanda fosse una gara contro il tempo se lo aspettavano tutti, (tranne Invitalia che aveva dato tempo fino al 18 maggio, ovvero 7 giorni dalla partenza della procedura, per prenotarsi) ma che la prenotazione potesse avere tempi così ristretti non era immaginabile da nessuno.
Infatti i 50 milioni disponibili, sono andati esauriti addirittura dopo 1 secondo e 46749 microsecondi, tempo monstre, in cui sono pervenute 3.150 domande
Tutte le altre domande, ne sono arrivate 208.826 per un totale di € 1.207.561.075,00 sono purtroppo destinate all’oblio. Sinceramente viste le risorse , sarebbe stato il caso di evitare di finanziare alcune aziende per importi pari ad € 150.000,00 , come la quinta in graduatoria ed ammettere un numero ppiù alto di aziende. L’amministratore delegato di Invitalia era al corrente della situazione ed anche il Governo avrebbe potuto garantire maggiore accesso anche a parità di fondi .
Certo che essere in grado di compilare un format, inserendo il proprio codice fiscale, la propria partita iva e l’importo agevolabile e inviare ls prenotazione in 0 minuti, 0 secondi, 000237 microsecondi , è da guinness mondiale della velocità.
Sembra impossibile ma ci si può riuscire.

Tags: , ,