Vai a…

WeeklyMagazine

settimanale di fatti, notizie, cultura

RSS Feed

25 Settembre 2020

In Italia cresce il numero di turisti stranieri


Il Bel Paese è ancora in testa alle preferenze dei turisti stranieri: arte, cibo, moda, musei e shopping sono i punti di forza dell’ Italia anche se, va ammesso, non mancano alcuni rilievi critici, in particolare se si tratta di trasporti e infrastrutture.
Le critiche che ci facciamo e che ci fanno sono molte e purtroppo spesso vere, ma chissà perché l’Italia è nel cuore di tutti. Le meraviglie dell’arte, della natura e della gastronomia prendono il sopravvento ed i difetti vengono superati senza difficoltà.
L’ Agenzia Nazionale del Turismo ha, soprattutto, rilevato la crescita delle mete balneari sempre più trend per i turisti stranieri. Le zone costiere e marittime italiane contribuiscono a far impennare la domanda del Bel Paese per il 30 per cento del numero di notti complessive trascorse nelle strutture ricettive nel 2018, anno in cui ha raggiunto un picco di quasi 429 milioni. Gli operatori esteri hanno rilevato un trend in crescita per le vendite del prodotto balneare in Italia nell’estate 2019 rispetto al periodo estivo del 2018. Gli aumenti indicati dai TO variano in media dal +5% al +15%.
Il mare va in tandem con la cultura: è abbinato alla visita delle città d’arte e al termale. Tedeschi, austriaci, francesi, spagnoli e russi i più “desiderosi” di mare italiano. Oltreoceano primeggiano USA e Cina. Una garanzia anche svizzeri, canadesi e argentini che confermano il loro trend degli anni passati. “Il balneare muove l’economia del turismo a ritmi più sostenuti – sostiene il presidente Enit Giorgio Palmucci – Per la vacanza al mare i turisti stranieri hanno speso nel Belpaese 6,6 miliardi di euro ossia il 20% in più nel 2018 sul 2017. Le entrate dei turisti stranieri per la vacanza al mare aumentano a doppia cifra in quasi tutte le prime 10 regioni (Veneto, Liguria, Campania, Sardegna, Sicilia, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Toscana, Puglia, Lazio). Gli aumenti più significativi in Friuli Venezia Giulia (+38,2% 18/17) e Liguria (+34,5%). Proprio partendo dalle potenzialità del settore Enit vuole rafforzare l’intesa con gli operatori del settore e gli enti coinvolti affinché l’Italia offra la migliore ospitalità possibile e servizi coordinati”. In media a testa ogni turista straniero spende in Italia 91 euro al giorno per la vacanza balneare in Italia nel 2018: +1,1% sul 2017, +17,1% sul 2009. Sono i tedeschi a spendere di più: oltre 2,2 miliardi di euro (+32,1% 2018/2017), pari al 34,2% del totale speso dagli stranieri in vacanza nelle località costiere italiane.
Imperdibili Campania, Puglia, Sicilia: picchi di crescita anche del 30 per cento dagli Stati Uniti d’ America
Uno stivale ricco di fascino e di emozione che continua ad incantare il resto del mondo.

Tags: , ,