Vai a…

WeeklyMagazine

settimanale di fatti, notizie, cultura

 
Direttore: Vincenzo Di Guida

RSS Feed

24 Marzo 2019

Tatyana Ryzhkova: the interview (l’intervista)


NDR: Articolo redatto in inglese e in italiano su due colonne. Chi legge col cellulare dovrà scorrere la pagina sino a trovare il testo nella lingua preferita (Article written in English and Italian on two columns. Who reads with the mobile will have to scroll the page to find the text in the preferred language).

Last October Tatyana Ryzhkova, a world-class classical guitarist, performed at the Benevento State Music Conservatory auditorium. Now the beautiful and talented Belarusian artist has granted an interesting exclusive interview to WeeklyMagazine readers.

WM: Hello Tatyana, many thanks to allow this exclusive WeeklyMagazine interview to you. Let us first speach about you. You came from Minsk (Belarus). How discovered classical guitar? Have you parents (or brothers / sisters) musicians? 

T.R.: Hello, thank you very much for invitation. I started to play guitar when I was 10. It was my mother’s idea that I need to learn to play guitar. It was her favorite instrument. My both parents are physicists and we didn’t have any musians in our family. My grandfather loved to sing and he learned me some of his favorite songs as I was 4-6 years old. As a child I was happy enough without music. But when I started to play guitar I felt in love with it and very quickly got a lot of success.

WM: How classical music was teached to children and teens in Russia and Belarus? There were some differences from Germany (and Europe)? Is music (classical music we mean) an important part of public schools teaching program in your birth Country? How, in your own opinion, music woud be teached to children?

T.R.: There are some big differences between music schools in Belarus and Germany. In Belarus not everybody can learn to play instrument. Only if you are from 8 till 15. When I came to music school I was 8, they told me that I cannot study guitar because I am too young. In two years it was “you are too old”, probably they just didn’t want to have me there. If you study music in Belarus or Russia you need to do it serious. I mean you don’t go to the lessons just to have fun, but you need to practice regulary and teacher expects your improvement. In Germany you can start whenever you want – with 10 or 100 – it doesn’t matter. And it’s much more about fun and joy and less about hard work and discipline. In Belarus if you visit music school you have many different subjects. It’s like another school: you have guitar lesson two times a week, music theory, harmony, music history, chor, piano etc. You are not only playing GUITAR, but you really study MUSIC. That’s amazing (on one hand). On another hand not each child want to be professional musician. But just wants todo it for himself. And that could be difficult, because you get too much pressure. For me the ideal system would be if each child would be teached in a way he needs to. Very talented children should get more attention and information, even expectation and children who don’t want to be musicians should get just great lesson, where they have fun with the instrument and music.

WM: Why you left your country and go to stay in Germany? Do you think this was an advantage for your career? If you hadn’t chosen for music, what do you think you would do right now?

T.R.: I went to Germany to study classical guitar. In Belarus you don’t have good possibilities to live as professional musician. It’s hard to find concerts and your concert fee is horrible. In Germany there are much more possibilities. It doesn’t mean, that everything is easier, no, you still need to work hard, to built up your name, your audience, but the market here is much bigger. If I wouldn’t be musician, I would probably become physicist as my parents.

WM: We see some your video as a very talented teenager (you performed “The legend of amazons” at the age of 12). How and when did you feel your career really begun? Have you had hard moments in your studing years (tell us what was hardest to learn for you)? What or who was your biggest influence as an artist?

T.R.: I started to play guitar when I was 10 years old. One year later I went as a part of guitar duo to our first internation guitar competition in Polen. I think from this moment my musical career started. After that we participated in more than 100 concerts so it went quite fast. When I was 13 I have got suddenly an injury and needed to stop playing guitar for almost 2 years. It was really hard. It was a breaking moment in my life. Three years long I was a real musician and it was absolutely clear that I will be a professional guitarist and suddenly I became nobody. It was like driving with 130 km/h against the wall. I couldn’t play anymore and I even didn’t know if I will recover and if I will ever be able to play again. At this time I’ve learned a lot about life, people and I started to learn myself better and started to understand, that music is not the only thing in the world that could make you happy. Only YOU can make you happy. And it’s a hard work. So after two years I recovered and came back to playing guitar. It was an absolutely fantastic feeling to be able to express yourself again through the music. But I wasn’t a slave of music anymore, we were just a good friends. I was happy to be with music, but I knew I will not die without it. At a very beginning I took my inspiration from A. Segovia, Paco de Lucia, russian and gypsy music. Later when I studied in Germany Thomas Müller-Pering was my big inspiration as a guitarist, teacher and person.  

WM: You are a very loved and popular internet musician star since your public image is fresh and friendly. How is Tatyana far from the net? How do you spend your days when you are not in tour? 

T.R.: Thank you! I think I am the same outside of Internet. I love people, I believe in their good sides. When I am not on tour, I teach a lot (private and via Skype), take care of all my social media accounts (it could be a full time job!), answer at messages and comments, practice, prepare myself for the next concerts or learn new pieces, work on a program for our crossover project “Tatyana and The Gentlemen”, organise student’s concerts. I can work a lot and I love my work. But from time to time I need a break to recharge my batteries. In this case I don’t want to hear anything about guitar and just enjoy the time with my family, travel (even for a short distances), go to the nature.

WM: What’s your view on the classical music at present? Is there a crisis market situation? You sell trough iTunes too: is the liquid music the solution? 

T.R.: What I have noticed traveling and playing in a diffirent countries and on different continents – the situation around classical music and specialy classical guitar is different in different countries. In Mexico you’ll see much more young people at guitar concert than in Germany. In Norway it’s hard to find anybody at all to come to classical guitar concert and so on. But in generaly yes, I think classic music is in hard situation. Specialy classical guitar. Because of many different factors we are not able to fascinate and attract young generation. There are so many young talented musicians, but there is almost no young audience at the concerts. Of course a big part of music sales goes now through Internet. I think we need some innovative ideas and most of all I think we need to forget that classical music is something super serios, where everybody should wear black, shouldn’t smile or laugh and you need to study many years before you understand what will be played on stage. Classical music is MUSIC and music is about LIFE, not about science.

WM: Let us speach now about your actual time. We know you just finished a new cd titled “Dreams of a Russian Summer”. What you can say about it? What the hardest track you play, what the piece you love more? Why you feel the need to re-interpretate “El Choclo”?

T.R.: My latest CD “Dreams of a Russian Summer” is a special CD. First of all it’s the first CD we have produced by ourselves and we are absolutely happy with the result. When you go to a studio you might have some positive aspects, but also some negative. Working on this CD we could make everything how WE wanted. The sound, program, atmosphere, layout, cover – everything! And it’s a great feeling to see how your dreams come true. No compromises, only pure realisation of your ideals. Secondly, this CD is very special because it was made with a huge support of my Patrons on www.patreon.com/tatyana. The names of all supporters who helped us to produce this CD are printed on CD-booklet. So when you open it you can see the names of all these wonderful people who love music and feel engaged to support it. The program consists of spanish, latin american, russian, belorussian music. It’s really hard to say which piece I love most of all. I love them all! I always play only the music that I really love and enjoy. In my study time I should play many pieces that I wouldn’t choose, but it was necessary for the learning process. Now I am free in my choice and enjoy it a lot. There is a special piece “Dreams of a Russian Summer” written by William Lovelady. I had a great honor that this piece was written and dedicated to me. It was a very exciting moment to hold the scores for the first time in my hands and to play it. I was absolutely fascinated by the deepness, musicality and structure of this piece, even more – I felt in love with it immediately! Honestly saying I think it’s one of the best pieces William wrote for the guitar and I enjoy so much performing it! I felt the need to reperform El Choclo because my view at the piece has changed. You know time is passing and very often you look at some situations in your life and you see them absolutely different as you did before. The same happens with some pieces. Some of my older recordings I can listen now and I still think “yes, that is how it should be” and the most of the pieces I feel different now. And it’s ok, it’s a normal process, it’s evolution.

WM: How and where your new cd can be obtained (or pre-ordered)? 

T.R.: You can find the CD on my online shop (tatyana-shop.com). There you can order it even with my signature and dedication. Of course it’s available for download on iTunes, Amazon and you can buy it after my concerts – also with dedication and signature.

WM: Let us know how difficult and how much time was need to prepare and recording “Dreams of a Russian Summer”. 

T.R.: It was probably the longest recording period. Also because we made it by ourselve. In a studio you book 3-4 days and you must be ready. Sometimes you feel that you are not really satisfied, but because of the time limit you need to live with some copromises. When you record by yourself, you don’t need compromises. You work until it’s perfect. Some pieces we recorded and then rerecorded after few months again, because my point of view has changed and I wanted to play it different. So in generaly it took about one year to make the CD ready. It’s much longer then 3-4 days, but the result was worth of it.

WM: How an artist can put personal emotions trough a registration? Live playing we think is a very different situation. How are you able to create a feeling with your cd or iTunes listners?

T.R.: In a live concert people see you, they hear you talking, see you moving – that all creates an atmosphere. On a recording you have only sound. No picture. So you need to put a high dosis of emotions in your performance to be able to create a picture, emotional picture in a head of listeners.

WM: You recorded some youtube video (“Ask Tatyana”) to help newbye guitarists to begin to learn play classical guitar in the right way. But how is Tatyana as a teacher? Do you ever lose yourpatience (and get angry) with your students? 

T.R.: I love teaching, I enjoy it very much. I have a privilege (because I work private and don’t belong to any external school) to work only with students who REALLY want to improve their skills. It makes a huge difference. When I started to teach I worked in a music school and I needed to teach everybody who came. So very often it was frustrating to try to teach somebody who doesn’t practice, who has no interest and I often had a question in my head “Why? Why are you here??” Now I have only very motivated students and it’s a great pleasure to see how they improve theirselves and how much they enjoy music. So I am patient. I am really very patient as a teacher. Even if something doesn’t work immediately and takes much longer time – I am ready to explain again and again and to find new ways to solve the problem. If I see that the person is really working and trying and WANTS, I can wait even a year for result. It’s absolutely doesn’t matter for me if teh student is already advanced or beginner, if he wants to be professional or just be a hobby player, adult or child. The only important thing for me is – if you want and if you practice. I always try to put in a lesson as much as possible and even more. But if I see that the student doesn’t want – he can look for another teacher.

WM: Now let you give a suggest to a begin player: what the best exercises to conquest the hands indipendence? 

T.R.: As a beginner it’s very important to build up a solid technique base. For this case would be useful all chromatical exercises, scales with different fingering in a right hand, “spider” exercises, arpeggio and so on. Some of them I have shown at my Ask Tatyana videos on Youtube (“Warm up”, “Exercises for the right hand”, “My exercise Nr.1”). There is a wonderful book that I can recommend by H. Käppel “The bible of classical guitar technique” – there you’ll find ALL possible exercises for all kinds of technique. I think each guitar player should have this book and you’ll find exercises for your whole life.

WM: A suggestion also to a middle skilled player: how do you aproach the study of a new difficult long score? 

T.R.: First of all I go through the piece making fingering and writing it down. Then I split the whole piece in a short parts (phrases) and start to practice them. So I take for my practice session one or two of these blocks and work on them until I can play them in a middle tempo with almost no mistakes. Then I go to the next block. When this work is done, I go deeper, solve the technical problems, work on musicality and tempo.

WM: Now few tips about the learning of one of the students black beast: the tremolo…..

T.R.: I think the secret of this technique is that you need to practice it regulary. Put it in your warm-up exercises, practice it each day. I like to use different fingering for practicing tremolo. Beside the usual one ami, work with aim, mai, mia, iam, ima. Use two finger tremolo (ama…). Take care that each of these combinations sounds equal, rythmical, good controled, fast and loud. I have also made an episode of Ask Tatyana on Youtube showing all these combinations and how to work on them.

WM: And, at last, a suggestion about three cd (or LP) that they don’t be missed in a record library of a classical guitar student….

T.R.: Oh, that’s a difficult question! For me it’s just a big question of taste. I think you need to have only such recordings that you like youself. For a guitar student I would recommend to listen more to other instruments, such as violoncello, piano, violin or the whole orchestra. Specially when you play transcribtion of the piece written for another instrument, don’t listen to guitar recordings (you will hear the same problems and the same mistakes), listen to original. Then you’ll get a right impression, how this music should be played.

WM: Let us speach about your schedule right now and in the very next future. What are you next programs? Is in your intention to came back again in Italy for concerts or masterclasses? 

T.R.: I am working right now on Debut CD of our band “Tatyana and The Gentlemen”. It’s a crossover project that takes its influences from classic, pop, jazz and latin american music. We have fineshed the first part of recordings and now we are working on some new pieces to record them in late summer. Beside this I prepare some new pieces for my solo guitar program. In the autumn/winter there will be concerts with the band and solo in Germany and outside. Unfortunately I couldn’t come to Italy this year, but I hope very much to be back in 2020.

WM: What you liked more about Italia (people, architecture, food, weather)?  

T.R.: Almost everything! People, architecture, food, weather! I come to Italy regulary since several years – with concerts or master classes, but also private for vacation and I enjoy your country each time. There is just a special atmosphere that you’ll not find anywhere else. I still have many places in Italy on my to-visit-list and I’ll work on this list! J

WM: Thank you a lot Tatyana Ryzhkova. Hope to see you soon in Italy. 

T.R.: Thank you so much, Vincenzo!! It was a big pleasure for me! Wish you and your magazin all the success! And hope to see you in Italy soon.

Discography:

2010 – Tatyana Ryzhkova Guitar

2012 – Expressions

2017 – Dreams of a Russian Summer

Lo scorso ottobre Tatyana Ryzhkova, chitarrista classica di livello mondiale, si è esibita presso l’auditorium del Conservatorio di musica statale di Benevento. Ora la bella e talentuosa artista bielorussa ha concesso un’interessante intervista in esclusiva ai lettori di WeeklyMagazine.

WM: Ciao Tatyana e molte grazie per aver accettato di fare questa esclusiva intervista su WeeklyMagazine. Cerchiamo prima di parlare di te. Provieni da Minsk (Bielorussia). Come ha scoperto la chitarra classica? Hai dei genitori (o fratelli / sorelle) musicisti?
 
T.R .: Ciao e grazie mille per l’invito. Ho iniziato a suonare la chitarra quando avevo 10 anni. È stata un’idea di mia madre che io dovessi imparare a suonare la chitarra. Era il suo strumento preferito. Entrambi i miei genitori sono fisici e non avevamo alcun musicista nella nostra famiglia. Mio nonno adorava cantare e mi ha insegnato alcune delle sue canzoni preferite quando avevo 4-6 anni. Da bambina ero abbastanza felice senza musica. Ma quando ho iniziato a suonare la chitarra mi sono innamorata e ho ottenuto grande successo molto rapidamente.

WM: Come veniva insegnata la musica classica a bambini e adolescenti in Russia e in Bielorussia? C’erano alcune differenze dalla Germania (e dall’Europa)? La musica (musica classica intendiamo) è una parte importante del programma di insegnamento delle scuole pubbliche nel tuo Paese d’origine? In che modo, secondo te, la musica può essere insegnata ai bambini?
 
T.R .: Ci sono alcune grandi differenze tra le scuole di musica in Bielorussia e Germania. In Bielorussia non tutti possono imparare a suonare strumenti. Solo se hai 8-15 anni. Quando sono arrivata alla scuola di musica avevo 8 anni, mi hanno detto che non potevo studiare la chitarra perché ero troppo giovane. In due anni era “sei troppo vecchia”, probabilmente non volevano avermi lì. Se studi musica in Bielorussia o in Russia devi farlo sul serio. Voglio dire che non vai alle lezioni solo per divertirti, ma devi esercitarti regolarmente e l’insegnante si aspetta il tuo miglioramento. In Germania puoi iniziare quando vuoi – a 10 o 100 anni – non importa. Ed è tutto basato molto di più sul divertimento e la gioia e meno sul duro lavoro e la disciplina. In Bielorussia se frequenti la scuola di musica hai molte materie diverse. È come un’altra scuola: hai lezione di chitarra due volte a settimana, teoria musicale, armonia, storia musicale, canto, piano ecc. Non stai solo suonando la chitarra, ma studi davvero la musica. È fantastico (da un lato). D’altra parte, non tutti i bambini vogliono diventare musicisti professionisti. Alcuni vogliono solo farlo per sé stessi. E potrebbe essere difficile, perché hai troppa pressione. Per me il sistema ideale sarebbe se ogni bambino fosse educato nel modo di cui ha bisogno. I bambini di grande talento dovrebbero ricevere più attenzioni e informazioni, secondo le aspettative, e i bambini che non vogliono essere musicisti dovrebbero poter seguire solo belle lezioni, dove si divertono con lo strumento e la musica.

WM: Perché hai lasciato il tuo paese e sei andata in Germania? Pensi che questo sia stato un vantaggio per la tua carriera? Se non avessi scelto la musica, cosa pensi faresti oggi?
 
T.R .: Sono andata in Germania per studiare chitarra classica. In Bielorussia non hai buone possibilità di vivere come musicista professionista. È difficile fare concerti e gli ingaggi dei concerti sono davvero miseri. In Germania ci sono molte più possibilità. Ciò non significa che tutto sia più semplice, no, devi ancora lavorare duro, costruire il tuo nome, il tuo pubblico, ma il mercato qui è molto più grande. Se non fossi musicista, probabilmente sarei diventata un fisico come i miei genitori.

WM: Sono noti alcuni tuoi video in cui appari come un’adolescente di grande talento (hai interpretato “La leggenda delle amazzoni” all’età di 12 anni). Come e quando hai sentito veramente iniziare la tua carriera? Hai avuto momenti difficili nei tuoi anni di studio (dicci cosa è stato più difficile imparare per te)? Quale o chi è stata la tua più grande influenza artistica?
 
T.R .: Ho iniziato a suonare la chitarra quando avevo 10 anni. Un anno dopo feci parte di un duo di chitarristi e ci esibimmo al nostro primo concorso di chitarra internazionale in Polonia. Penso che da questo momento sia iniziata la mia carriera musicale. Successivamente abbiamo partecipato a più di 100 concerti, quindi (la mia carriera) è andata abbastanza velocemente. All’età di 13 anni ho subito un infortunio e ho dovuto smettere di suonare la chitarra per quasi 2 anni. E’ stato davvero difficile. E’ stato un momento di rottura nella mia vita. Da tre anni ero una vera musicista ed era assolutamente chiaro che sarei diventata un chitarrista professionista ma improvvisamente non potevo più esserlo. Fu come schiantarsi a 130 km/h contro un muro. Non potevo più suonare e nemmeno sapevo se mi sarei ripresa e se avessi mai potuto suonare di nuovo. In quel momento ho imparato molto sulla vita, le persone e ho iniziato a imparare me stessa meglio e ho iniziato a capire, che la musica non è l’unica cosa al mondo che potrebbe renderti felice. Solo TU puoi renderti felice. Ed è un duro lavoro. Così dopo due anni ho recuperato e sono tornata a suonare la chitarra. È stata una sensazione assolutamente fantastica essere in grado di esprimermi di nuovo attraverso la musica. Ma non ero più una schiava della musica, eravamo solo buoni amici. Ero felice di convivere con la musica, ma sapevo che non sarei morta senza di essa. All’inizio ho preso l’ispirazione da A. Segovia, Paco de Lucia, musica russa e zingara. Più tardi, quando ho studiato in Germania, Thomas Müller-Pering è stato la mia grande ispirazione come chitarrista, insegnante e persona.

WM: Sei una star di Internet molto amata e popolare poiché la tua immagine pubblica è fresca e amichevole. Com’è Tatyana quando è lontana dalla rete? Com’è la tua giornata quando non sei in tour?
 
T.R .: Grazie! Penso di essere la stessa (persona) fuori da Internet. Amo le persone, credo nei loro lati positivi. Quando non sono in tour, insegno molto (privatamente e via Skype), mi occupo di tutti i miei account sui social media (potrebbe essere un lavoro a tempo pieno!), rispondo a messaggi e commenti, faccio pratica, mi preparo per il prossimo concerto o impararo nuovi pezzi, lavoro sul programma del nostro progetto crossover “Tatyana and The Gentlemen”, organizzo concerti per studenti. So lavorare molto e amo il mio lavoro. Ma di tanto in tanto ho bisogno di una pausa per ricaricare le batterie. In questo caso non voglio sentire niente sulla chitarra e semplicemente godermi il tempo con la mia famiglia, viaggiare (anche per brevi distanze), andare nella natura.

WM: Cosa pensi della musica classica al momento? C’è una situazione di crisi nel mercato? Tu vendi anche su iTunes: la musica liquida è la soluzione?
 
T.R .: Quello che ho notato viaggiando e suonando in paesi diversi e in diversi continenti, è che la situazione circa la musica classica e la chitarra classica è differente nei diversi paesi. In Messico vedrai molti più giovani al concerto di chitarra che in Germania. In Norvegia è difficile trovare qualcuno che possa venire al concerto di chitarra classica e così via. Ma in generale sì, penso che la musica classica sia in una situazione difficile. La chitarra classica in special modo. A causa di molti fattori diversi non siamo in grado di affascinare e attrarre le giovani generazioni. Ci sono così tanti giovani musicisti di talento, ma non c’è quasi pubblico giovane ai concerti.
Ovviamente gran parte delle vendite di musica passa ora attraverso Internet. Penso che abbiamo bisogno di idee innovative e soprattutto penso che dobbiamo dimenticare che la musica classica è qualcosa di super-serio, dove tutti dovrebbero vestirsi di nero, non sorridere o ridere e bisogna studiare molti anni prima di capire cosa sarà eseguito sul palco. La musica classica è musica e riguarda la vita, non la scienza.

WM: Parliamo ora del tuo momento attuale. Sappiamo che hai appena finito un nuovo cd intitolato “Dreams of a Russian Summer”. Cosa puoi dire al riguardo? Qual è il brano più difficile che suoni, quale brano ami di più? Perché hai reinterpretato “El Choclo”?
 
T.R .: Il mio ultimo CD “Dreams of a Russian Summer” è un CD speciale. Prima di tutto è il primo CD che abbiamo prodotto da noi e siamo assolutamente soddisfatti del risultato. Quando vai in uno studio (di registrazione) potresti avere alcuni aspetti positivi, ma anche alcuni negativi. Lavorando su questo CD abbiamo potuto fare tutto come volevamo. Il suono, il programma, l’atmosfera, il layout, la copertina: tutto! Ed è una bella sensazione vedere come i tuoi sogni diventano realtà. Nessun compromesso, solo pura realizzazione dei tuoi ideali. In secondo luogo, questo CD è molto speciale perché è stato realizzato con un enorme supporto dei miei sostenitori su www.patreon.com/tatyana. I nomi di tutti i sostenitori che ci hanno aiutato a produrre questo CD sono stampati sul libretto del CD. Quindi quando lo apri puoi vedere i nomi di tutte queste persone meravigliose che amano la musica e si sentono impegnate a sostenerla. Il programma è composto da musica spagnola, latino americana, russa, bielorussa. È davvero difficile dire quale pezzo amo di più. Li amo tutti! Suono sempre solo la musica che amo e mi piace davvero. Durante gli studi ho dovuto suonare molti pezzi che non sceglierei, ma era necessario per il (mio) processo di apprendimento. Ora sono libera nella scelta e mi diverto molto.
C’è un pezzo speciale “Sogni di un’estate russa” scritto da William Lovelady. Ho avuto il grande onore che questo pezzo è stato scritto e dedicato a me. E ‘stato un momento molto eccitante avere lo spartito per la prima volta nelle mie mani ed eseguirlo. Ero assolutamente affascinata dalla profondità, dalla musicalità e dalla struttura di questo pezzo, ancora di più – mi sono subito innamorata! Onestamente, penso che sia uno dei migliori pezzi scritti da William per la chitarra e mi diverto così tanto ad eseguirlo!
Ho sentito il bisogno di rielaborare El Choclo perché la mia visione del pezzo è cambiata. Sai che il tempo passa e molto spesso guardi alcune situazioni della tua vita e le vedi assolutamente diverse di come hai fatto prima. Lo stesso succede con alcuni pezzi. Alcune delle mie vecchie registrazioni posso ascoltarle ora e pensare “sì, è così che dovrebbero essere” perché la maggior parte dei pezzi li sento differenti ora. Ed è ok, è un processo normale, è evoluzione.

WM: Come e dove è possibile ottenere il tuo nuovo cd (o pre-ordinarlo)?
 
T.R .: Puoi trovare il CD sul mio negozio online (www.tatyana-shop.com). Lì puoi ordinarlo anche con la mia firma e dedica. Ovviamente è disponibile per il download su iTunes, Amazon e puoi acquistarlo dopo i miei concerti, anche con dedica e firma.

WM: Facci sapere quanto è stato difficile e quanto tempo è stato necessario per preparare e registrare “Sogni di un’estate russa”.
 
T.R .: Probabilmente è stato il periodo di registrazione più lungo. Anche perché l’abbiamo fatta in proprio. In uno studio prenoti 3-4 giorni e devi essere pronta. A volte ritieni di non essere veramente soddisfatta, ma a causa del limite di tempo devi convivere con alcuni compromessi. Quando registri da sola, non hai bisogno di compromessi. Lavori finché non è perfetto. Alcuni pezzi sono stati registrati e poi registrati nuovamente dopo qualche mese, perché il mio punto di vista è cambiato e ho voluto interpretarli diversamente. Quindi in generale c’è voluto circa un anno per preparare il CD. Un tempo molto più lungo di 3-4 giorni, ma ne è valsa la pena.

WM: Come può un artista trasmettere emozioni personali attraverso una registrazione? Dal vivo, pensiamo che sia una situazione molto diversa. Come riesci a creare un feeling col tuo pubblico tramite i tuoi cd o iTunes?
 
T.R .: In un concerto dal vivo le persone ti vedono, ti sentono parlare, ti vedono in movimento – tutto crea un’atmosfera. In una registrazione hai solo suono. Nessuna immagine. Quindi è necessario mettere un’alta dose di emozioni nella tua performance per essere in grado di creare un’immagine, un’immagine emotiva nella mente degli ascoltatori.

WM: Hai registrato alcuni video di youtube (“Chiedi a Tatyana”) per aiutare i chitarristi in erba ad iniziare a imparare a suonare la chitarra classica nel modo giusto. Ma come è Tatyana insegnante? Perdi mai la pazienza (e ti arrabbi) con i tuoi studenti?
 
T.R .: Amo insegnare, mi piace molto. Ho il privilegio (perché lavoro privatamente e non appartengo a nessuna scuola esterna) di lavorare solo con studenti che desiderano VERAMENTE migliorare le loro capacità. Fa una differenza enorme. Quando ho iniziato a insegnare, ho lavorato in una scuola di musica e dovevo insegnare a tutti quelli che venivano. Quindi, molto spesso, era frustrante cercare di insegnare a qualcuno che non praticava, a cui non interessava e spesso mi frullava una domanda nella testa “Perché? Perché sei qui??”
Ora ho solo studenti molto motivati ​​ed è un vero piacere vedere come si migliorano e quanto amano la musica. Quindi sono paziente. Sono davvero molto paziente come insegnante. Anche se qualcosa non funziona immediatamente e richiede molto più tempo, sono pronta a spiegare ancora e ancora e a trovare nuovi modi per risolvere il problema. Se vedo che la persona sta davvero lavorando e sta provando e VUOLE, posso aspettare anche un anno per il risultato. Non è assolutamente importante per me se lo studente è già avanzato o principiante, se vuole essere professionista o semplicemente essere un chitarrista per hobby, se é adulto o bambino. L’unica cosa importante per me è – se vuole e se si impegna. Cerco sempre di mettere il mio massimo impegno in una lezione e anche di più. Ma se vedo che lo studente non ha volontà – può cercare un altro insegnante.

WM: Ora ti chiediamo di dare un suggerimento ad un chitarrista principiante: quali sono i migliori esercizi per conquistare l’indipendenza delle mani?
 
T.R .: Come principiante è molto importante costruire una solida base tecnica. Per questo caso sarebbero utili tutti gli esercizi cromatici, scale eseguite con diteggiature differenti, esercizi “ragno”, arpeggio e così via. Alcuni di quelli che ho mostrato ai miei video Ask Tatyana su Youtube (“Warm up”, “Esercizi per la mano destra”, “My exercise Nr.1”). C’è un libro meraviglioso che posso consigliare da H. Käppel “La bibbia della tecnica della chitarra classica” – lì troverai TUTTI gli esercizi possibili per tutti i tipi di tecnica. Penso che ogni chitarrista dovrebbe avere questo libro e troverà esercizi per tutta la sua vita.

WM: Ora un suggerimento anche a un chitarrista di media abilità: come si fa a condurre lo studio di un nuovo lungo e difficile spartito?
 
T.R .: Prima di tutto analizzo il pezzo provando la diteggiatura e annotandola. Poi divido l’intero pezzo in parti brevi (frasi) e inizio a esercitarmi. Quindi prendo per la mia sessione di pratica uno o due di questi blocchi e lavoro su di loro fino a quando non riesco a suonarli in un tempo medio con quasi nessun errore. Poi vado al prossimo blocco. Quando questo lavoro è finito, vado più a fondo, risolvo i problemi tecnici, lavoro su musicalità e tempo.

WM: Adesso alcuni suggerimenti sull’apprendimento di una delle bestie nere degli studenti: il tremolo …..
 
T.R .: Penso che il segreto di questa tecnica sia che devi praticarla regolarmente. Mettilo nei tuoi esercizi di riscaldamento, praticalo ogni giorno. Mi piace usare diverse diteggiature per praticare il tremolo. Oltre alla solita ami, adotta per lo scopo, mai, mia, iam, ima. Usa un tremolo a due dita (ama …). Fai attenzione che ognuna di queste combinazioni suoni uguale, ritmica, ben controllata, veloce e (ugualmente) sonora. Ho anche realizzato un episodio di Ask Tatyana su Youtube che mostra tutte queste combinazioni e come lavorarci.

WM: E, infine, un suggerimento su tre cd (o LP) da non perdere in una libreria di dischi di uno studente di chitarra classica …
 
T.R .: Oh, questa è una domanda difficile! Per me è solo una questione di gusti. Penso che sia sufficiente avere solo le registrazioni che piacciono. Per uno studente di chitarra consiglierei di ascoltare di più altri strumenti, come violoncello, pianoforte, violino o l’intera orchestra. Specialmente quando suoni la trascrizione del pezzo scritto per un altro strumento, non ascoltare le registrazioni (delle trascrizioni) di chitarra (o avrai gli stessi problemi e farai gli stessi errori), ascolta l’originale. Allora avrai una la migliore indicazione di come dovrebbe essere suonata quella musica.

WM: Parliamo del tuo programma attuale e nel prossimo futuro. Quali sono i tuoi prossimi impegni? Hai intenzione di tornare di nuovo in Italia per concerti o masterclass?
 
T.R .: Sto lavorando proprio ora al CD di debutto della nostra band “Tatyana and The Gentlemen”. È un progetto crossover che trae le sue influenze dalla musica classica, pop, jazz e latinoamericana. Abbiamo terminato la prima parte delle registrazioni e ora stiamo lavorando ad alcuni nuovi pezzi per registrarli a fine estate. Accanto a questo preparo alcuni nuovi pezzi per il mio programma di chitarra solista. Nell’autunno / inverno ci saranno concerti con la band e da solista in Germania e fuori. Sfortunatamente non prevedo di venire in Italia quest’anno, ma spero di tornare nel 2020.

WM: Cosa ti è piaciuto di più dell’Italia (le persone, l’architettura, il cibo, il clima)?
 
T.R .: Quasi tutto! Le persone, l’architettura, il cibo, il tempo! Vengo regolarmente in Italia da diversi anni – per concerti o masterclass, ma anche privatamente per le vacanze e ogni volta mi piace il vostro paese. C’è un’atmosfera speciale che non troverei da nessun’altra parte. Ho ancora molti posti in Italia nella mia lista delle visite e lavorerò su questa lista!

WM: Grazie mille Tatyana Ryzhkova. Spero di vederti presto in Italia.

T.R .: Grazie mille, Vincenzo !! È stato un grande piacere per me! Auguro a te e alla tua rivista tutto il successo! E spero di vederti presto in Italia.

Discografia:

2010 – Tatyana Ryzhkova Guitar

2012 – Expressions

2017 – Dreams of a Russian Summer

Tags: , ,